Poetry for the Poisoned

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Poetry For The Poisoned
Artista Kamelot
Tipo album Studio
Pubblicazione 10 settembre 2010
Durata 54:00
Dischi 1
Tracce 14
Genere Power metal
Progressive metal
Symphonic metal
Etichetta Marquee/Avalon (Japan), Edel Music (Europe), KMG Recordings (North America)
Produttore Sascha Paeth e Miro
Registrazione Gate Studio di Wolfsburg, Germania
Kamelot - cronologia
Album precedente
(2007)
Album successivo
(2012)

Poetry for the Poisoned è il nono album in studio dei Kamelot.

L'album è caratterizzato da un sound raffinato ed eclettico. Il cd è a metà tra power metal e progressive metal, ma sono presenti anche elementi symphonic metal, gothic metal ed elettronici. La copertina dell'album è stata disegnata dall'artista Seth Siro Anton.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Great Pandemonium - 4:24
  2. If Tomorrow Came - 3:58
  3. Dear Editor - 1:18
  4. The Zodiac - 4:00
  5. Hunter's Season - 5:34
  6. House on a Hill - 4:14
  7. Necropolis - 4:16
  8. My Train of Thoughts - 4:08
  9. Seal of Woven Years - 5:13
  10. Poetry for the Poisoned, Pt. I: Incubus - 2:57
  11. Poetry for the Poisoned, Pt. II: So Long - 3:24
  12. Poetry for the Poisoned, Pt. III: All is Over - 1:03
  13. Poetry for the Poisoned, Pt. IV: Dissection - 2:00
  14. Once Upon a Time - 3:45

Tracce bonus[modifica | modifica wikitesto]

  1. Thespian Drama (Instrumental) (Japanese/vinyl single edition) - 3:46
  2. House on a Hill (Uncut version) (US edition)
  3. Where the Wild Roses Grow (limited edition) (cover di Nick Cave e Kylie Minogue)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Band[modifica | modifica wikitesto]

Guest[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo di The Great Pandemonium è uscito il 6 settembre, insieme al relativo video. In seguito sono usciti anche i video di Hunter's Season e Necropolis.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Paese Posizioni in classifica
Stati Uniti d'America (Billboard Hard Chart) 6
Norvegia 7
Stati Uniti d'America (Billboard Indie Charts) 15
Svezia 23
Germania 32
Paesi Bassi 43
Svizzera 48
Austria 57
Belgio 64
Stati Uniti d'America (Billboard 200) 74

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]