Pier Giuseppe Murgia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pier Giuseppe Murgia durante le riprese di La festa perduta.

Pier Giuseppe Murgia, anche nella grafia Piergiuseppe Murgia[N 1] (Vipiteno, 6 dicembre 1940), è un regista, sceneggiatore e scrittore italiano, attivo nel cinema e in televisione, in qualità di documentarista e autore in forza alla Rai.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in giovane età come scrittore pubblicando volumi di narrativa e di saggistica di storia contemporanea.[1] Lavora quindi con Cesare Zavattini al progetto Cinegiornali liberi e nel cinema indipendente, come sceneggiatore, tra le altre cose, ai film Grazie zia di Salvatore Samperi e Vermisat di Mario Brenta.[1]

Negli anni settanta lavora per la Rai realizzando, in collaborazione con Emilio Sanna, un'inchiesta sulla scuola e sugli adolescenti.[1][2] Lavora in seguito a diversi documentari e altri programmi televisivi, sempre per la Rai.[1][3][4] Nel 1977 gira il suo film d'esordio, il controverso Maladolescenza.[1] Del 1981 è il successivo film La festa perduta, che gli fa vincere il Premio Alfonso Sanchez per i nuovi registi al Festival internazionale del cinema di San Sebastián nello stesso anno,[1][5] e del 1984 la miniserie televisiva Voglia di volare.

Negli anni successivi lavora esclusivamente per la televisione, collaborando a diverse sceneggiature per film, serie e miniserie televisive.[1] Tra i suoi lavori: La Piovra 7 (1994) e La piovra 10 (1999); Sospetti (2000); Senza scampo (1990); La voce del cuore (1995) e Una vittoria (1988).[1] Coinvolto nel 1990 da Angelo Guglielmi e Adriano Catani, dal 1991 al 2009 è stato autore del programma Chi l'ha visto? di Raitre.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • La bambina da cuore troppo grande - documentario TV
  • Il pastore e la droga - documentario TV
  • Segnale di pericolo - documentario TV
  • Il disagio dell'adolescenza - documentario TV
  • La fatica di crescere - documentario TV
  • Il coraggio di sapere - documentario TV
  • Nero straniero - documentario TV
  • Bambini a Palermo - documentario TV
  • Vietato ai minori - La strage dei bambini in Brasile - documentario TV

Autore[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori vari, Racconti d'estate. Antologia di racconti italiani, SugarCo Edizioni, 1960.
  • Il ragazzo di fuoco, SugarCo Edizioni, 1960.
  • La mala adolescenza, SugarCo Edizioni, 1961.

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Il buoncostume, SugarCo Edizioni, 1964.
  • Il luglio 1960, SugarCo Edizioni, 1968.
  • Ritorneremo!, SugarCo Edizioni, 1976.
  • Il vento del Nord, SugarCo Edizioni, 1975.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Festival internazionale del cinema di San Sebastián
  • 1981 - Premio Alfonso Sanchez per i nuovi registi per La festa perduta[5]
Festival TV di Montecarlo
  • 1992 - Premio Speciale per La strage dei bambini in Brasile[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Esplicative
  1. ^ Nome con cui ha firmato i suoi libri.
Fonti
  1. ^ a b c d e f g h i j Raitre: Chi l'ha visto (7), su Adnkronos, 24 settembre 2001. URL consultato il 3 maggio 2021.
  2. ^ Televisione - Le inchieste, su Pier Giuseppe Murgia. URL consultato il 3 maggio 2021.
  3. ^ Televisione - I film-documento, su Pier Giuseppe Murgia. URL consultato il 3 maggio 2021.
  4. ^ Televisione - Altri programmi, su Pier Giuseppe Murgia. URL consultato il 3 maggio 2021.
  5. ^ a b (ES) Premios 29 edición. 1981, su San Sebastián Film Festival. URL consultato il 3 maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN236012597 · LCCN (ENn2005013378 · GND (DE1061926087 · WorldCat Identities (ENlccn-n2005013378