Gianni Bongioanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gianni Bongioanni, noto anche con lo pseudonimo di Hans Boncioanni (Torino, 6 agosto 1921Roma, 21 gennaio 2018), è stato un regista, sceneggiatore e attore italiano. [1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno dei primi registi ad adottare un approccio autentico e neo-realistico al cinema italiano. La svolta pericolosa - una storia d'oggi del 1959, è considerato la prima serie televisiva italiana.[2]Nel 1944, Bongioanni divenne il presentatore della stazione radio Radiotevere.[3]Le sue serie televisive degli anni '70, sono considerate tra le migliori della storia della TV italiana.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Tre per una rapina (1964)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Un matrimonio in provincia (1980)

Follia amore mio (1986)

Piange al mattino il figlio del cuculo (1989)

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

La svolta pericolosa - una storia d'oggi (1959)

Dedicato a un bambino – serie TV, episodi 1x1-1x2-1x3 (1971)

Una pistola nel cassetto – serie TV, episodi 1x1-1x2-1x3 (1974) anche attore

Una donna – serie TV, 6 episodi (1977)

Mia figlia – serie TV, episodi 1x1-1x2-1x3 (1982)

Giovanni, da una madre all'altra – serie TV, episodi 1x1-1x2-1x3 (1983)

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

L'occhio selvaggio, regia di Paolo Cavara (1967)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bongioanni Gianni, su necrologie.repubblica.it.
  2. ^ A. Grasso,Enciclopedia della Televisione Garzanti, Milano, Garzanti Editore, 1996.
  3. ^ G. Bongioanni,Qui Radiotevere. 1944 storia di radio, di amore e di morte, Sovera Edizioni, Roma, 2003.
  4. ^ Roberto Poppi,Dizionario del cinema Italiano. I Registi. , Gremese Editore, 2002.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311703510 · GND (DE106226844X