Passo di Crocedomini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Passo di Crocedomini
Crocedominiii.jpg
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Brescia Brescia
Località collegate Collio
Bienno, Bagolino
Altitudine 1.892 m s.l.m.
Coordinate 45°54′25.92″N 10°24′33.84″E / 45.9072°N 10.4094°E45.9072; 10.4094Coordinate: 45°54′25.92″N 10°24′33.84″E / 45.9072°N 10.4094°E45.9072; 10.4094
Infrastruttura SS 345 - SS 669
Pendenza massima 11%
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo di Crocedomini
Passo di Crocedomini

Il Passo di Crocedòmini (anticamente Crux Dominii o Passo Crus Domine[1]) riportato su alcune mappe come Passo di Croce Dominii o Passo di Croce Domini, è un valico alpino delle Alpi Centrali situato in provincia di Brescia a 1892 m. s.l.m. a sud del Parco dell'Adamello.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista orografico il passo separa le Alpi Retiche meridionali dalle Prealpi Bresciane e Gardesane.

Esso si trova poco a nord del punto in cui si uniscono le Tre Valli Bresciane:[2]

Dal punto di vista amministrativo, il passo è all'interno del comune di Breno, nei pressi della località Bazena. Al passo si trova il rifugio omonimo, chiuso d'inverno.

Può essere raggiunto percorrendo da Brescia o da Breno la SS 345 delle tre Valli oppure tramite la SS 669 del Passo di Crocedomini che collega il Lago d'Idro al passo transitando per Bagolino. Tutti e tre i percorsi che convergono al passo sono chiusi nella stagione invernale; inoltre, il tratto di strada che congiunge il valico al Passo Maniva comprende due tratti non asfaltati, uno della lunghezza di sei chilometri e l'altro di circa 500 metri, che ne fanno un percorso piuttosto impegnativo. Salendo da Breno la provinciale 345 è aperta d'inverno (solitamente) sino alla Bazena (ovvero 2 Km prima del passo).

Cippo segnalatore del passo Crocedomini a Bienno

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marcello Ricardi, Giacomo Pedersoli, Grande guida storica di Valcamonica Sebino Val di Scalve, Cividate Camuno, Toroselle, 1992, p. 76.
  2. ^ Marco Zulberti, Val Giudicarie - L’eresia dolciniana - Dante, l’eresia di Dolcino e il passo Crocedomini. L’autonomia spirituale nelle prealpi lombarde, atto de: Pisogne: convegno sulla caccia alle streghe, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]