Now You See Me 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Now You See Me 2
Now You See Me 2.jpg
Una scena del film
Titolo originale Now You See Me 2
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 129 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, commedia, thriller
Regia Jon M. Chu
Soggetto Boaz Yakin, Edward Ricourt (personaggi)
Sceneggiatura Pete Chiarelli, Ed Solomon
Produttore Bobby Cohen, Alex Kurtzman, Roberto Orci, David Copperfield
Casa di produzione Lions Gate Entertainment, Summit Entertainment
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Peter Deming
Montaggio Stan Salfas
Musiche Brian Tyler
Costumi Anna B. Sheppard
Trucco Nicky Knowles
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Now You See Me 2 è un film del 2016 diretto da Jon M. Chu.

La pellicola è il sequel di Now You See Me - I maghi del crimine del 2013. Nel cast Jesse Eisenberg, Mark Ruffalo, Dave Franco, Woody Harrelson, Michael Caine e Morgan Freeman, già presenti nel primo film, a cui si aggiungono Daniel Radcliffe, Lizzy Caplan e Jay Chou.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un anno dopo essere sfuggiti all'FBI e avere conquistato il favore del pubblico con i loro spettacoli di magia i membri restanti dei Quattro Cavalieri attendono nuove istruzioni dall'Occhio, la società segreta di maghi da cui sono stati reclutati. Atlas, stanco di aspettare che Rhodes dia loro una nuova missione, cerca l'Occhio per conto proprio. La sua ricerca lo porta a un tunnel sotterraneo in cui sente una voce che gli dice che la sua attesa sta per finire. Tornato al proprio appartamento vi trova una donna, che gli scappa. Atlas si riunisce al resto del gruppo e il loro leader, l'agente dell'FBI Dylan Rhodes assegna loro una nuova missione: denunciare al mondo l'uomo d'affari corrotto Owen Case, il cui nuovo software segretamente ruba dati ai propri utenti. L'illusionista Lula May, la donna che era nell'appartamento di Atlas, viene aggiunta alla squadra per rimpiazzare Henley Reeves.

I Cavalieri s'infiltrano nella compagnia di Case durante la festa per il lancio del nuovo software. Lo spettacolo viene inaspettatamente interrotto da un misterioso individuo che rivela al mondo che Wilder, creduto morto, è vivo e che Rhodes è il capo dei Cavalieri, obbligando lo stesso a sfuggire alla sua nuova partner della FBI Natalie Austin. Mentre tentano di scappare i Cavalieri vengono catturati da mercenari guidati dal gemello di Merritt, Chase McKinney, e portati a Macao dal suo, il prodigio della tecnologia Walter Mabry, partner di Case che ha finto la sua morte dopo che Case rubò la sua compagnia.

Mabry recluta i Cavalieri per rubare il dispositivo di estrazione di dati sviluppato da Case da una base segreta sotto un casino locale, per evitare che Case lo usi. Atlas acconsente al piano nonostante la riluttanza degli altri e li guida a un negozio di magia di proprietà di Li, che fornisce loro l'equipaggiamento necessario. Nel frattempo Rhodes è in fuga ed è obbligato a fare uscire di prigione il suo rivale Thaddeus Bradley, che Rhodes incolpa per la morte di suo padre Lionel Shrike, perché lo aiuti a salvare i Cavalieri. Arrivati a Macao cercano Li, che consegna a Rhodes un orologio da polso che gli fu commissionato dal padre di Rhodes. Mentre Rhodes ringrazia Li per l'orologio Bradley sfugge alla custodia di Rhodes, rivelando che aveva previsto che Rhodes l'avrebbe liberato per il suo aiuto.

I Cavalieri si infiltrano nella base segreta e rubano il chip, evadendo le autorità e scappando dal casinò. Atlas viene attaccato da Mabry e i suoi uomini, che hanno anticipato cosa Atlas vorrebbe fare dopo il furto, ovvero consegnare il chip direttamente all'Occhio. Mabry rivela che la voce nel tunnel era lui e che Mabry ha clonato il suo cellulare proprio lì. Rhodes interviene e fa scappare Atlas con il dispositivo. Rhodes combatte gli uomini di Mabry, ma viene catturato da loro. Viene portato su uno yacht, dove apprende che Mabry agisce per conto del proprio padre, Arthur Tressler, l'uomo d'affari contro cui Rhodes impiegò i Cavalieri la prima volta. Tressler mette Rhodes nella stessa cassa in cui suo padre morì e lo lascia ad annegare, ma Rhodes riesce a usare l'orologio di suo padre per scappare e viene salvato dai Cavalieri dopo che Tressler e Mabry se ne sono andati.

Rhodes e i Cavalieri si riuniscono nel negozio di magia e Li rivela che sia lui che sua nonna sono membri dell'Occhio. Rhodes e i Cavalieri decidono quindi di restituire il favore ai due e fanno sapere al mondo intero che si esibiranno dal vivo a Londra. Mabry e Tressler, che pensano che loro abbiano il chip, vanno a Londra, dove i Cavalieri stanno eseguendo una serie di trucchi dal vivo nelle strade. Mabry, Tressler e Chase scoprono che Rhodes è vivo, catturano i cinque e li portano sul loro aereo privato. Mabry prende loro il dispositivo e Rhodes e i Cavalieri vengono gettati fuori dall'aereo. Tressler si rende conto che la costosa bottiglia di alcool aperta per celebrare la sua vittoria è stata manomessa e trova la carta "The Fool" attaccata all'etichetta. Subito dopo vede i Cavalieri fuori dai finestrini dell'aereo. Dopo avere aperto la porta Tressler scopre che l'aereo è su una chiatta in mezzo al Tamigi e le loro attività criminali sono state trasmesse in diretta al mondo: tutto faceva parte di un trucco dei Cavalieri.

Mabry, Tressler e Chase vengono arrestati dall'FBI e Rhodes affida il dispositivo di estrazione di dati a Austin, che lo lascia scappare avendo capito che i Cavalieri non sono criminali. Rhodes e i Cavalieri vengono poi portati da Li in un osservatorio dove si riuniscono a Bradley, che rivela di avere un posto di alto livello nella leadership dell'Occhio e di essere stato il miglior amico del padre di Rhodes, avendo solo finto di essere suo rivale. Bradley si complimenta con Rhodes per il maestro illusionista che è diventato e annuncia che i Cavalieri hanno completato il loro addestramento. Mentre Bradley li lascia dice al gruppo di "ignorare la tenda".

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film iniziano il 25 novembre 2014[1] e si svolgono a Londra[2]. Nel marzo 2015 le riprese si svolgono a Macao, in Cina[3].

Titolo[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha avuto come titolo di lavorazione Now You See Me: The Second Act, per poi divenire Now You See Me 2.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 18 novembre 2015[4], mentre la versione italiana arriva il 10 maggio 2016.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 10 giugno 2016[4], ed in quelle italiane dal giorno prima, il 9 giugno.[5]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 maggio 2015, Jon Feltheimer, amministratore delegato della Lions Gate Entertainment, annuncia che è già in programma un sequel del film, intitolato al momento Now You See Me 3[6].

Nell'aprile 2016 viene annunciato che Jon M. Chu sarà dietro la macchina da presa anche nel terzo capitolo[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mark Ruffalo, And so it begins... Now You See Me...again., Facebook, 25 novembre 2014. URL consultato il 18 novembre 2015.
  2. ^ (EN) Peter Sciretta, Now You See Me 2 Title Revealed, slashfilm.com, 26 novembre 2014. URL consultato il 18 novembre 2015.
  3. ^ (EN) Catherine, Daniel Radcliffe Filming a new Project, the-leaky-cauldron.org, 11 marzo 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  4. ^ a b Mirko D'Alessio, I Maghi del Crimine 2, ecco il primo trailer!, badtaste.it, 18 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  5. ^ a b Filmato audio Medusa Film, Now You See Me 2: Trailer Ufficiale Italiano, su YouTube, 10 maggio 2016. URL consultato il 10 maggio 2016.
  6. ^ (EN) Dave McNary, ‘Now You See Me 3’ in the Works at Lionsgate, Variety, 22 maggio 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  7. ^ (EN) Dave McNary, Jon M. Chu Returning to Direct ‘Now You See Me 3’ (EXCLUSIVE), Variety, 18 aprile 2016. URL consultato il 18 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema