Noriglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Noriglio
frazione
Noriglio – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
ComuneRovereto-Stemma.png Rovereto
Territorio
Coordinate45°53′00.8″N 11°04′11.9″E / 45.883556°N 11.069972°E45.883556; 11.069972 (Noriglio)Coordinate: 45°53′00.8″N 11°04′11.9″E / 45.883556°N 11.069972°E45.883556; 11.069972 (Noriglio)
Altitudine418 m s.l.m.
Abitanti1 639[2] (31-12-2010)
Altre informazioni
Cod. postale38068
Prefisso0464
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantinorelàiteri o noregiòti[1]
Patronosan Martino di Tours
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Noriglio
Noriglio

Noriglio (Norei in dialetto trentino) è una frazione del comune di Rovereto, in provincia di Trento.

L'etimologia della parola Noriglio deriva dal termine dialettale "orel" cioè imbuto, infatti la zona centrale del paese è un avvallamento che digrada formando vari imbuti.

Alcuni dei nomi delle frazioni che compongono Noriglio derivano da particolari aspetti e caratteristiche delle località in cui sorsero; altri invece derivano da nomi o soprannomi delle famiglie che ci abitavano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona di Noriglio fu abitata già nell'epoca romana e forse anche prima (documento esistente presso il Museo Civico di Rovereto: è un'ascia di pietra silicea risalente all'età della prietra). La parte più antica del paese comprende i due abitati del "Maso" chiamati ora Maso Campolongo e Fontani. Poi si sono sviluppati gli abitati più vicini: Bosco, Campolongo, Costa e Saltaria (parte bassa del Finonchio all'altezza di 400 m. circa); poi sorsero i masi della parte alta del Finonchio (sopra gli 800 m.): Moietto, Cisterna, Canton, Giori, Palvera, Pietra, Gerosa, Pinteri, Schivazappa, Maso Mortal, Manfrini, Senter. È noto che dalla fine del Duecento per tutto il Trecento la nobile famiglia dei Castelbarco, con i suoi vari rami, ebbe in feudo dal principe Vescovo di Trento, tutta la Vallagarina. Noriglio quindi che era nel possesso dei conti di Castelbarco, cominciò ad essere abitata da famiglie di origine tedesca, che formarono nuove frazioni: Beccachè, Zaffoni, Pinteri ed altre. Le frazioni di Pasquali e Toldi si aggregarono a Noriglio più tardi.

Fino al 1927 Noriglio era comune; con un Regio Decreto del 2 giugno del 1927, Noriglio fu aggregato, come Marco e Lizzana, al comune di Rovereto.

La strada che collega Noriglio a Rovereto (da piazza Rosmini) è una celebre salita utilizzata gran parte dell'anno da ciclisti professionisti.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  2. ^ Fonte: Annuario 2010 del Comune di Rovereto

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Trentini, Noriglio e la sua storia, Calliano (TN), Manfrini editori, 1979
  • R. Zotti, Storia della valle Lagarina, Bologna, Forni Editore, 1969, ristampa anastatica dell'edizione Monauni, Trento, 1963.
  • BALDI G. ; PIFFER S., Rovereto da borgo medievale a città nelle scritture della Serenissima conservate presso l'archivio storico e Biblioteca Civica di Roverereto, Rovereto (TN) Arti Grafiche Longo, 1990
  • BATTISTI, C., I nomi locali del roveretano distribuiti per comuni, Firenze, Leo Olschki Editore, 1969
  • BRENTARI, O., Guida del Trentino, Bologna, Forni, 1971, ristampa anastatica dell'edizione di Bassano del Grappa, 1890-1902
  • CARUCCI P., Le fonti archivistiche: ordinamento e conservazione, Roma 1983
  • CASETTI, A., Guida storico-archivistica del Trentino, Trento, Temi, 1961
  • Diritto degli enti locali (Legislazione comunale, provinciale, regionale), Napoli 1988
  • MASTELLOTTO E., L'archivio comunale trentino, Trento 1986 (dattiloscritto).
  • NEQUIRITO M., Le carte di regola delle comunità trentine, Mantova 1988.
  • MOZZARELLI C. (a cura di), Trento, principi e corpi: nuove ricerche di storia regionale, Trento 1991.
  • PROSSER I., Finonchio. Ambiente storia escursioni, Rovereto (TN), Edizioni Osiride, Comune di Rovereto, 1992.
  • VARANINI G. M., et alii, Le valli del Leno. Vallarsa e la valle di Terragnolo, Caselle di Sommacampagna (VR), Cierre Edizioni, 1989.
Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige