Niccolò Gaddi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Niccolò Gaddi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cappella gaddi di smn 03 tomba del cardinale niccolò gaddi, con sposal. vergine di giovanni bandini (1576-77).jpg
La tomba nella cappella Gaddi in Santa Maria Novella
Template-Cardinal (Bishop).svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Fermo dal 1521 1544
Amministratore apostolico di Cosenza dal 1528 al 1535
Amministratore apostolico di Sarlat dal 1533 al 1545
Nato 1499
Nominato vescovo 16 ottobre 1521 da papa Leone X
Creato cardinale 3 maggio 1527 da papa Clemente VII
Deceduto 16 gennaio 1552

Niccolò Gaddi (Firenze, 1499Firenze, 16 gennaio 1552) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Era figlio di Taddeo Gaddi e di Antonia Altoviti e zio del cardinale Taddeo Gaddi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu vescovo di Fermo dal 1521 al 1549.

Venne creato cardinale diacono da papa Clemente VII che, pochi giorni prima del Sacco di Roma (1527), gli assegnò la diaconia di San Teodoro.

Dopo l'uccisione del duca Alessandro de' Medici tentò senza successo di reinstaurare la Repubblica a Firenze.

Alla sua morte fu sepolto a Firenze nella Cappella Gaddi della chiesa di Santa Maria Novella.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Niccolò Gaddi partecipò ai seguenti conclavi:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]