Museo nazionale di Manfredonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo nazionale archeologico di Manfredonia
Castellomanfredonia.jpg
Castello di Manfredonia, Ingresso del museo
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Manfredonia
Indirizzo Piazzale Ferri, 1
Caratteristiche
Tipo archeologia
Direttore Giovanna Pacilio
Visitatori 1 612[1] (2015)

Il Museo nazionale archeologico di Manfredonia è ubicato all'interno del castello svevo-angioino nel centro abitato di Manfredonia. Dal mese di dicembre del 2014 il museo è in gestione al Polo museale della Puglia.

L'ingresso consente di visitare la struttura del castello. Le esposizioni archeologiche del museo illustrano la storia dell'antico territorio sipontino e garganico:

  • le stele daunie, un tipo di monumento funerario in pietra calcarea diffuso presso la civiltà Daunia (una delle tre tribù illiriche degli Iapigi), nell'attuale Capitanata (la provincia di Foggia, in Puglia), tra la fine dell'VIII e gli inizi del V secolo a.C.
  • reperti derivanti dallo scavo archeologico nel parco archeologico di Siponto
  • anfore da trasporto rinvenute in mare che documentano l'intensa attività commerciale lungo le rotte adriatiche della Daunia romana.
  • materiali architettonici ed epigrafici provenienti in prevalenza dall'area archeologica di Siponto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati visitatori 2015 (PDF), su beniculturali.it. URL consultato il 15 gennaio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]