Museo civico archeologico Ugo Granafei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo civico archeologico "Ugo Granafei"
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMesagne
Caratteristiche
Tipoarcheologico
Apertura1975

Il museo civico archeologico "Ugo Granafei", situato a Mesagne, città in provincia di Brindisi, è stato inaugurato nel 1975 e dal 1999 è collocato all'interno del castello cittadino. Al suo interno vi sono importanti reperti d'epoca messapica, romana e medievale provenienti prevalentemente del territorio comunale (ma anche da altre parti della Puglia), in modo particolare dai siti archeologici di Muro Tenente, Muro Maurizio, Muro Malvindi e da necropoli scoperte nel centro storico della città.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è il frutto di una piccola raccolta archeologica contenuta all'interno della Biblioteca Popolare "Ugo Granafei".[1] Dal 1970 sono confluiti numerosi altri reperti, in prevalenza d'epoca pre-romana, e così è stato istituito il museo, allestito in principio all'interno del Palazzo di Città e poi nuovamente nella Biblioteca Popolare; successivamente la sede del museo è stata spostata nel castello, dov'è ancora oggi.[1] Dal 1999 il museo è ufficialmente aperto al pubblico e continua ad arricchirsi con nuovi reperti archeologici. Attualmente sono aperte al pubblico sei sale, mentre sono in allestimento altre sale dedicate alle monete e alle iscrizioni.[1]

Reperti[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte dei reperti è costituita da vasellame dell'età del bronzo e di età romana, assieme a ceramica medievale. Nelle sei sale aperte al pubblico è possibile vedere reperti provenienti dai vari siti archeologici del territorio comunale e dalle due vaste necropoli scoperte nel centro abitato.[1] Vi sono inoltre lastre tombali, epigrafi latine e messapiche, e una ricca collezione di monete greche (provenienti dalle zecche di Taranto, Metaponto, Sibari e Crotone), romane e medievali.[1][2]Numerosi anche i reperti provenienti da donazioni private, anch'esse in gran parte composte da ceramiche e vasellame di fattura greca, messapica e romana.[1] In una sala del museo è possibile osservare inoltre un mosaico che costituiva il pavimento del complesso termale di Malvindi, situato poco fuori dal centro abitato. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Informazioni sul museo civico archeologico dal sito ufficiale del comune di Mesagne, su comune.mesagne.br.it. URL consultato l'11-12-2010.
  2. ^ a b Musei di Puglia: guida ai musei e alle aree archeologiche della Puglia - Google Libri, su books.google.it. URL consultato l'11-12-2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn85256193 · WorldCat Identities (ENn85-256193