Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mizuho (portaidrovolanti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mizuho
Japanese seaplane tender Mizuho 1940.jpg
la Mizuho a Tateyama, 1940.
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
TipoNave appoggio idrovolanti
In servizio conNaval Ensign of Japan.svg Marina imperiale giapponese
CantiereArsenale Kawasaki, Kobe
Impostazione1º maggio 1937
Varo16 maggio 1938
Entrata in servizio25 febbraio 1939
Ammodernamento1941
Destino finaleaffondata il 2 maggio 1942
Caratteristiche generali
Dislocamento12 150 t
Lunghezza183,58 m
Larghezza18,78 m
Pescaggio7,07 m
Propulsione4 motori diesel, 2 eliche per 15 200 CV
Velocità22 nodi (41 km/h)
Autonomia8 000 nmi
Armamento
Artiglieria6 cannoni da 127 mm in tre postazioni binate
12 mitragliatrici da 25 mm in sei postazioni binate
Mezzi aerei24 idrovolanti

dati estratti da La portaerei...[1]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Mizuho (瑞穂?), citata anche Miduho[2], fu una nave appoggio idrovolanti della Marina imperiale giapponese impiegata durante la Guerra del Pacifico, il maggiore teatro bellico orientale della seconda guerra mondiale.[1]

Pressoché simile alle due pari ruolo Classe Chiyoda, la capoclasse Chiyoda e la Chitose, prima che queste venissero trasformate in portaerei, venne a sua volta modificata nel 1941 per trasportare 12 sommergibili tascabili collocati in un apposito pozzo a poppa che, grazie all'apertura di un portellone, poteva comunicare con il mare.[1]

Venne affondata il 2 maggio 1942 dallo USS Drum, sommergibile US Navy di classe Gato, al largo di capo Omaisaki.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Galuppini 1979, p. 52
  2. ^ Jane's Fighting Ships, 1939.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Galuppini, La portaerei: storia tecnica e immagini dalle origini alla portaerei atomica, Roma, Arnoldo Mondadori Editore, 1979, ISBN non esistente.