Michel Zink

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michel Zink

Michel Zink (Issy-les-Moulineaux, 5 maggio 1945) è un filologo e storico della letteratura francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del germanista alsaziano Georges Zink, Michel è, come il padre, allievo dell'Ecole Normale Supérieure de la Rue d'Ulm (1964-1968), presso la quale consegue l'agrégation de lettres classiques. Dopo un periodo come assistente presso la Sorbona (1968-1970 e 1972-1976) e l'Università di Tunisi (1970-1972), professa la letteratura medievale alle Università di Toulouse II-Le Mirail (1976-1987) e di Paris IV-Sorbonne (1987-1994). Nel 1994, è nominato professore al Collège de France, dove è stato titolare della cattedra di Letterature della Francia medievale per ventidue anni. Il 10 febbraio 2016 ha tenuto la sua ultima lezione [1].

La profonda esperienza nel campo della poesia francese e occitana medievale, le numerose e fondamentali pubblicazioni scientifiche e l'appassionata attività di insegnamento fanno di Michel Zink uno dei più autorevoli rappresentanti della ricerca nel campo della letteratura del Medioevo.

Tra le sue principali responsabilità nel campo dell'editoria scientifica e letteraria, si segnalano la direzione, con Geneviève Hasenohr, della più importante rivista francese di filologia e letteratura medievale, la Romania, fondata da Paul Meyer e Gaston Paris (entrambi predecessori di Zink al Collège de France), e l'ideazione e la direzione della collana di testi medievali Lettres Gothiques (Livre de Poche di Hachette).

I riconoscimenti ufficiali per le sue benemerenze scientifiche, così come per la straordinaria capacità di promozione e divulgazione culturale, non sono mancati. Nel 2000, Michel Zink è chiamato a far parte dell'Institut de France, come membro dell'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres, di cui diventerà, nel 2011, secrétaire perpétuel. Nel 2007, gli viene conferito il Premio Balzan per la letteratura europea (1000-1500), con la seguente motivazione: "Per i suoi fondamentali contributi alla comprensione della letteratura francese e occitanica del Medioevo, capitolo decisivo nella formazione della letteratura europea moderna; per la sua reinterpretazione del rapporto tra letteratura medievale e moderna; per le sue iniziative pionieristiche volte a riportare la letteratura del Medioevo nella memoria culturale della Francia e dell'Europa". Nel 2011 è nominato ufficiale della Legion d'onore e nel 2017 eletto al 37° seggio dell'Académie Française.[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore
Commendatore dell'Ordine delle Palme accademiche (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine delle Palme accademiche (Francia)
Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN196843160 · ISNI (EN0000 0003 8566 9813 · LCCN (ENn84014045 · GND (DE124027938 · BNF (FRcb119296979 (data) · NLA (EN35689257 · BAV ADV11114963