Maurizio Codogno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maurizio Codogno
Maurizio Codogno.jpg
Codogno con la maglia dell'Atalanta nel 1982
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Termine carriera 1990 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1973Treviso3 (0)
1973-1977Pro Vercelli110 (2)
1977-1981Ternana113 (1)
1981-1982Modena38 (2)
1982-1986Atalanta60 (0)
1986-1987Arezzo23 (0)
1987-1990Novara50 (0)
Carriera da allenatore
1995-1997Pro Vercelli
1998Pavia
1999-2000Valenzana
2002-2003Casale
2009-2017Pro VercelliGiovanili
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Maurizio Codogno (Brembate di Sopra, 22 settembre 1954) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

È cresciuto nelle categorie inferiori, iniziando con il Treviso in Serie D e con la Pro Vercelli in Serie C. Fu acquistato quindi dalla Ternana, con la quale salì di una categoria, e successivamente dal Modena, con cui tornò in terza serie.

Codogno (accosciato, primo da sinistra) nella Ternana del 1978-1979

Nell'ottobre del 1982 passò all'Atalanta, squadra nella sua città, con la quale ottenne la promozione nel massimo campionato al secondo anno in nerazzurro. Al termine dell'esperienza atalantina, durata quattro anni, si trasferì all'Arezzo nel campionato cadetto, per poi concludere la carriera nel Novara in Serie C2.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Allenò la Pro Vercelli nelle stagioni 1995-1996 (quando subentrò a campionato iniziato a Bruno Baveni)[1] e 1996-1997 (venendo sostituito da Dino D'Alessi)[2], in Serie C2.

L'anno dopo allenò per un breve periodo anche il Pavia, poi dalla stagione 1999-2000 fu allenatore della Valenzana, nel CND, chiamato a sostituire Giuliano Ciravegna dopo la 13ª giornata di campionato.[3] Fu chiamato poi alla guida del Casale nella stagione 2002-2003.[4]

Nel 2009 ritornò alla Pro Vercelli, diventando il responsabile tecnico dell'Attività di Base.[5] Dalla stagione seguente divenne il direttore tecnico della scuola calcio della società,[6] figurando nelle giovanili del club fino al 2017.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Atalanta: 1983-1984
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Modena: 1982

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beltrami, 1996, p. 335.
  2. ^ Beltrami, 1997, p. 339.
  3. ^ Maggiora, p. 241.
  4. ^ Roberto Saracco. Codogno incorona già il Rondengo, da La Stampa, 30 dicembre 2002, p. 44
  5. ^ Pro Vercelli, presentato il nuovo staff Tuttolegapro.com
  6. ^ Parte ufficialmente il progetto "Pro Vercelli Camp", in tuttoc.com, 13 settembre 2010. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  7. ^ Pro Vercelli, i premiati per le Benemerenze Coni, in magicapro.it, 7 dicembre 2016. URL consultato il 16 dicembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1997. Modena, Panini, 1996.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1998. Modena, Panini, 1997.
  • Pier Giorgio Maggiora. 100 anni di Valenzana. Valenza, Valenzana Calcio, 2006.
  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta - Vol 2, Bergamo, Sesaab, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]