Masi Torello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Masi Torello
comune
Masi Torello – Stemma Masi Torello – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Ferrara-Stemma.png Ferrara
Amministrazione
Sindaco Riccardo Bizzarri (lista civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 44°47′40.49″N 11°48′06.55″E / 44.79458°N 11.80182°E44.79458; 11.80182 (Masi Torello)Coordinate: 44°47′40.49″N 11°48′06.55″E / 44.79458°N 11.80182°E44.79458; 11.80182 (Masi Torello)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 22,71 km²
Abitanti 2 359[1] (31-12-2014)
Densità 103,87 ab./km²
Frazioni Masi San Giacomo
Comuni confinanti Ferrara, Ostellato, Portomaggiore, Voghiera
Altre informazioni
Cod. postale 44020
Prefisso 0532
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 038012
Cod. catastale F016
Targa FE
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 272 GG[2]
Nome abitanti masesi
Patrono san Leonardo di Noblac
Giorno festivo 6 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Masi Torello
Masi Torello
Posizione del comune di Masi Torello nella provincia di Ferrara
Posizione del comune di Masi Torello nella provincia di Ferrara
Sito istituzionale

Masi Torello (Màs Turèl in dialetto ferrarese[3]) è un comune italiano di 2.359 abitanti della provincia di Ferrara, in Emilia-Romagna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Masi Torello è divenuto un comune nel 1959; prima di allora era una frazione di Portomaggiore. Non è nota, per l'assenza di testimonianze documentali, la sua esatta origine: il fatto che non fosse citato in alcun documento anteriore al XIII secolo porta a credere che non esistesse questa località prima di quest'epoca.

L'origine del nome sarebbe da attribuire a "manso" misura agraria locale o "mansus" fondo coltivato quest'ultima ipotesi associata a "torelus" ove s'intendeva la corda ritorta, può far pensare a un podere specializzato nella lavorazione della corda. Un'altra ipotesi vede l'origine del nome risalire al potere acquistato intorno ai XXIII secolo dalla famiglia "Torelli-Salinguerra", anche se nulla è documentato circa possedimenti di proprietà dei Torelli in questa zona.

Certo è che dagli inizi del XIV secolo s'instaurarono fitti rapporto con il borgo e Ferrara e quindi Masi Torello ne seguì le vicende, passando dagli estensi allo Stato Pontificio. Annessa nel 1798 alla repubblica cisalpina, fu unita al Comune di Trova, con sede municipale a Portomaggiore.

Il 25 settembre 1959 riconquistò la propria autonomia, il 28 novembre 1960 s'insediò il primo Consiglio Comunale con Sindaco Giorgio Franceschini.

Edifici religiosi[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La località è situata lungo la strada provinciale 1 e dispone di una propria uscita lungo l'Autostrada Ferrara-Porto Garibaldi. La stazione ferroviaria è posta lungo la linea ferrovia Ferrara-Codigoro. Fra il 1901 e il 1931 Masi Torello era servita da un analogo impianto posto sulla tranvia Ferrara-Codigoro.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 luglio 1985 7 giugno 1990 Duclos Rossi Democrazia Cristiana Sindaco [5]
7 giugno 1990 24 aprile 1995 Duclos Rossi Democrazia Cristiana Sindaco [5]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Marco Ferraresi lista civica Sindaco [5]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Valentina Verri lista civica Sindaco [5]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Manuela Cecilia Rescazzi lista civica Sindaco [5]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Manuela Cecilia Rescazzi lista civica Sindaco [5]
26 maggio 2014 in carica Riccardo Bizzarri Sindaco [5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 382.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia