Martin Moxa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Martin Moxa (... – ...) è stato un trovatore possibilmente catalano o aragonese, attivo tra il 1270 e il 1280 alla corte di Alfonso X. Chierico di professione, fu conosciuto e satirizzato per la sua longevità da parte dei suoi contemporanei. È autore di 20 componimenti poetici: dodici cantigas de amor, un descort, quattro satire morali, incentrate sul tema del mondo alla rovescia, una satira politica, un autoescarnio e possibilmente forse l'autore di una tenzone con Lourenço.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]