Marino Grimani (patriarca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marino Grimani
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalMarinoGrimani.jpg
Grimani.png
Nato 1488-1489 circa, Venezia
Nominato vescovo 16 agosto 1508
Elevato patriarca 19 gennaio 1517
Creato cardinale 3 maggio 1527 da Clemente VII
Deceduto 28 settembre 1546, Orvieto

Marino Grimani (Venezia, 1488-1489 circa – Orvieto, 28 settembre 1546) è stato un cardinale e patriarca cattolico italiano, patriarca di Aquileia dal 19 gennaio 1517 al 1529 e poi successivamente dal 1533 al 1545.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote del cardinale Domenico Grimani, nacque dalla nobile famiglia veneziana dei Grimani, terzo figlio di Gerolamo Grimani e di Elena Priuli.

Destinato alla carriera ecclesiastica, a meno di 20 anni (16 agosto 1508) fu nominato vescovo di Ceneda, ma non assunse l'incarico fino a che non raggiunse l'età canonica di 27 anni. Il 19 gennaio 1517 fu nominato patriarca di Aquileia ed occupò la sede fino al 16 aprile 1529. In tale veste il 12 novembre 1524 emanò delle costituzioni per la riforma della vita del clero. Fu nominato cardinale presbitero nel concistoro del 3 maggio 1527 e il 7 febbraio successivo ricevette la berretta cardinalizia e il titolo dei Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio. Correva voce che avesse ottenuto la porpora cardinalizia per simonia dietro esborso di 30.000 ducati.

Nel 1533 ebbe la sede vescovile di Concordia come commenda, essendo lui cardinale e patriarca di Aquileia, e la tenne fino al settembre 1537, ma fin dall'anno precedente aveva ottenuto che la Chiesa concordiese venisse assegnata al proprio nipote Pietro Querini.

Il 23 gennaio 1545 lasciò nuovamente la carica di patriarca di Aquileia per assumere il 23 marzo dello stesso anno il titolo di patriarca latino di Costantinopoli, che mantenne fino alla morte.

Morì il 18 settembre 1546 mentre si trovava ad Orvieto e fu temporaneamente sepolto nella cattedrale cittadina. Successivamente il corpo fu trasportato a Venezia e fu sepolto in San Francesco della Vigna, vicino alla tomba dello zio cardinale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giacomo Marcuzzi, Sinodi Aquileiesi, Tipografia del Patronato, Udine 1910, pp. 206–212.
  • Pio Paschini, Il cardinale Marino Grimani ed i prelati della sua famiglia, Facultas Theologica Pontificiae Universitatis Lateranensis, Roma 1960.
  • Giuseppe Gullino, Grimani, Marino, in Nuovo Liruti. Dizionario biografico dei friulani. 2: l'età veneta. D-M, Forum editrice universitaria, Udine 2009, pp. 1380–1381.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45755955 · ISNI (EN0000 0001 2017 9173 · LCCN (ENn85298289 · GND (DE1013146891 · CERL cnp01295549