Legazione di Perugia e dell'Umbria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la Legazione esistita dal 1850 al 1860, vedi Legazione dell'Umbria.
Legazione di Perugia
Informazioni generali
Capoluogo Perugia
Dipendente da Stato Pontificio
Evoluzione storica
Inizio 29 aprile 1424
Causa Donazione della città di Perugia alla Santa Sede
Fine XVII secolo
Causa Riorganizzazione delle province dello Stato Pontificio
Preceduto da Succeduto da
Ducato di Spoleto
  • Spoleto
  • Perugia
  • Orvieto
  • Città di Castello

La Legazione di Perugia e dell'Umbria è stata una suddivisione amministrativa dello Stato Pontificio. Erede del Ducato di Spoleto, nacque nel XV secolo e fu soppressa nel XVII secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Papa Martino V: nel 1424 creò la Legazione.

Il territorio di Perugia faceva formalmente parte dello Stato Pontificio fin dall'età altomedievale. La città restò comunque indipendente de facto fino al 1370, allorquando perse le autonomie comunali, unitamente alle libertà civiche, di cui godeva.

Nel 1424 i nobili perugini consegnarono la città alla Santa Sede (Convenzione tra il Comune di Perugia ed il pontefice, 29 aprile 1424)[1]. Negli anni successivi, i vincoli di sottomissione allo Stato della Chiesa si allentarono nuovamente, grazie anche all'affermarsi sul territorio di alcune signorie, l'ultima delle quali fu quella della famiglia Baglioni. L'egemonia del casato si protrasse dal 1438 a 1479.

Nel 1540, a seguito della sfortunata guerra del sale, la città perse nuovamente le sue libertà civiche e la sua secolare autonomia e passò definitivamente sotto il governo dello Stato della Chiesa.

Nella prima metà del XVII secolo lo Stato della Chiesa decise di riorganizzare il governo locale. Fu abolita la legazione come governo regionale; sopravvissero i governatori locali, nelle quattro città principali:

Cronotassi dei legati apostolici dal 1424 al 1631[modifica | modifica wikitesto]

...

30 gennaio 1566 – Revoca di tutte le nomine legatizie

...

Fonti per le cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

  • Annibale Mariotti, Saggio di memorie istoriche civili ed ecclesiastiche della città di Perugia, Tomo I, Parte II, Perugia 1806 (versione digitalizzata)
  • Dizionario Biografico degli Italiani
  • Appendice II. Legati (e figure equiparate) nello Stato pontificio, 1417-1700 in Armand Jamme, Olivier Poncet, Offices et Papauté (XIVe-XVIIe siècle), Publications de l'École française de Rome, 2005 (versione online)
  • Christoph Weber, Legati e governatori dello Stato Pontificio (1550-1809), 1994.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BARZI, Benedetto, in Dizionario biografico degli italiani, VII, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970. URL consultato il 19/09/2015.
  2. ^ Raissa Teodori, GROSSO DELLA ROVERE, Leonardo, in Dizionario biografico degli italiani, LX, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2003. URL consultato il 22/09/2015.
  3. ^ Nominato "legato di Perugia, Umbria, Marca e Romagna". Fissò la propria sede a Macerata.