Marina Brunello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marina Brunello, Groningen 2012

Marina Brunello (Lovere, 16 giugno 1994) è una scacchista italiana, Grande Maestro Femminile.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vive con la famiglia a Rogno, in provincia di Bergamo, ed è studentessa di Psicologia all'Università di Padova.

È sorella minore di Sabino, Grande maestro e di Roberta, vincitrice del campionato italiano femminile del 2006.

L'11 maggio 2011 è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che le ha consegnato il diploma con l'insegna di Alfiere della Repubblica.

Principali risultati[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato a cinque Olimpiadi: Torino 2006, all'età di 12 anni nella squadra "Italia 2", Dresda 2008, Chanty-Mansijsk 2010, Istanbul 2012 e Tromso 2014. Ha partecipato a numerose altre manifestazioni internazionali con la squadra italiana femminile.

Nel 2008 ha vinto a Bratto il 35° Campionato italiano femminile, diventando, all'età di 14 anni, 2 mesi e 15 giorni, la più giovane vincitrice di questo campionato.

In dicembre 2009 ha raggiunto, al torneo "Memorial Edoardo Crespi" di Milano, la soglia dei 2200 punti Elo, conquistando così il titolo di Maestro Internazionale Femminile. È la seconda giocatrice italiana a fregiarsi di tale titolo, dopo Clarice Benini, che lo conquistò grazie al clamoroso 2º posto nel Campionato del mondo femminile del 1937.

Nel 2013 e 2014 ha vinto 2 Campionati Italiani Femminili a Squadre (CISF) con la squadra del Fischer Chieti .[1]

In novembre 2015 conquista la Medaglia di Bronzo in terza scacchiera nei Campionati Europei a squadre di Reykjavík, ottiene la definitiva Norma di Grande Maestro Femminile e la seconda Norma di Maestro Internazionale Assoluto.

Nell'ottobre 2016 raggiunge il suo record Elo: 2382 punti, che la piazza al secondo posto tra le giocatrici italiane e al 79° al mondo . [2]

Nel maggio 2017 vince per la terza volta il Campionato Italiano Femminile a Squadre (CISF), questa volta con la squadra del Caissa Italia Pentole Agnelli Bologna e vincendo 5 partite sulle 5 giocate.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]