Marcia per la libertà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcia per la libertà
Marshall film.jpg
Chadwick Boseman in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata118 min
Rapporto2,35:1
Generedrammatico, biografico
RegiaReginald Hudlin
SceneggiaturaMichael Koskoff, Jacob Koskoff
ProduttoreReginald Hudlin, Jonathan Sanger, Paula Wagner
Produttore esecutivoBradley Eisenstein, Chris Bongirne, Wang Jianchun, Dong Jun, Pan Lai, Kevin Lamb, Beely Lee, Peter Luo, Brandon Powers, David Ryan, Hunter Ryan, Ellen S. Wander, Yan Xu
Casa di produzioneSuper Hero Films, Chestnut Ridge Productions
FotografiaNewton Thomas Sigel
MontaggioTom McArdle
ScenografiaRichard Hoover
Interpreti e personaggi

Marcia per la libertà (Marshall) è un film biografico del 2017 diretto da Reginald Hudlin.

Chadwick Boseman interpreta il giovane avvocato Thurgood Marshall, primo afroamericano nominato giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti d'America.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre il paese è sull'orlo della seconda guerra mondiale, il giovane avvocato Thurgood Marshall viene inviato in Connecticut per difendere Joseph Spell, autista di colore accusato di violenza sessuale e tentato omicidio dalla sua datrice di lavoro. Assieme al socio Samuel Friedman, Marshall affronta un difficile processo, che entrerà nella storia per aver contribuito al movimento per i diritti civili.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La sceneggiatura è stata scritta dall'avvocato Michael Koskoff con l'aiuto di suo figlio Jacob. Koskoff iniziò a scrivere la sceneggiatura all'età di 60 anni, dopo la morte dell'amico avvocato Jack Zeldes nel 2013, che lo spinse a raccontare la storia di Thurgood Marshall.[1]

Le riprese sono iniziate a Los Angeles nel dicembre 2015 per poi postarsi nella zona di Buffalo nella primavera 2016 e sono terminate il 1º luglio 2016.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nella sale cinematografiche statunitensi il 13 ottobre 2017.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema