Marcello Veneziani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marcello Veneziani (2009)

Marcello Veneziani (Bisceglie, 17 febbraio 1955) è un giornalista e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia all'Università degli Studi di Bari, inizia la carriera di giornalista nel 1979 nella redazione barese del quotidiano Il Tempo. Giornalista professionista dal 1982, dopo il praticantato a Il Giornale d'Italia – il quotidiano romano diretto dal deputato democristiano Luigi D'Amato – assume nel 1981, all'età di 26 anni, la direzione del gruppo editoriale Ciarrapico-Volpe-La Fenice, incarico che mantiene fino al 1987.[1] Ritenuto uno degli intellettuali di destra più rappresentativi, Veneziani ha significativamente tentato di rivalutare, in diverse pubblicazioni, l'operato del pensatore tradizionalista Julius Evola.[2] Scrive a lungo su Il Giornale, collabora con Il Messaggero, La Repubblica, La Stampa, il Secolo d'Italia, L'Espresso, Panorama, Il Mattino, La Nazione, Il Resto del Carlino, Il Giorno e La Gazzetta del Mezzogiorno. Redattore del Giornale Radio Rai di mezzanotte, prende parte a vari programmi televisivi e da vent'anni collabora come commentatore della Rai.

Fonda a Roma nel 1981 Omnibus, mensile edito da Giovanni Volpe. La rivista organizza il dibattito "La tolleranza nella cultura", in cui avviene il primo dialogo tra intellettuali di destra e intellettuali di sinistra (Massimo Cacciari, Gennaro Malgieri, Giampiero Mughini, Gianfranco De Turris e lo stesso Veneziani)[3]. La rivista naufraga dopo il primo numero.
Dal 1985 al 1987 dirige il bimestrale Intervento. Nel 1988 fonda il mensile di cultura Pagine libere, che dirige fino al 1992.[4] Successivamente fonda e dirige settimanali come L'Italia settimanale (1992-1995) – periodo in cui parallelamente dà vita alla Fondazione Italia – e Lo Stato (1997-1999), che poi si fonde con Il Borghese del quale diventa direttore editoriale insieme a Vittorio Feltri. Il sodalizio con Feltri, iniziato con L'Indipendente e nel 1994 con Il Giornale, prosegue nel 2004 con Libero e dall'agosto 2009 di nuovo con Il Giornale fino a febbraio 2015.[1] È stato membro del Consiglio di Amministrazione della Rai durante la XIV Legislatura e membro del Consiglio di Amministrazione di Cinecittà.[1] Vive a Roma e affianca alla professione di giornalista e saggista un'«intensa attività di conferenziere».[5] Dal 2016 è editorialista del quotidiano romano Il Tempo.[6]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2012 pubblicò sul sito del quotidiano Il Giornale un provocatorio articolo in cui affermava come «la specie [umana] abbia cambiato programma e usi la promozione dell'omosessualità, anche in tv, come una delle astuzie per estinguersi».[7] L'articolo suscitò reazioni indignate.[8]

In un articolo di fine 2017 invece, dichiarò Mussolini "l'uomo dell'anno 2017", affermando che "il fascismo col suo ducione è stato il tema dell'anno, del decennio, forse del millennio".[9]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 - Premio Vittoriano Esposito, I edizione, alla carriera
  • 2013 - Premio D.H. Lawrence, VII edizione, sezione letteratura
  • 2009 - Premio Corrado Alvaro, IX edizione, sezione giornalismo "Gente in Aspromonte"[10]
  • 2008 - Premio Roma, IX edizione, sezione saggistica[11]
  • 2004 - Premio Fregene, XXVI edizione, sezione saggistica[12]
  • 2004 - Premio Cimitile, IX edizione, sezione opere edite[13]
  • 2003 - Premio Hemingway, XIX edizione, sezione narrativa[14]
  • 1998 - Premio Cirri, VII edizione[15]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • La ricerca dell'assoluto in Julius Evola, Palermo, Thule, 1979.
  • Mussolini il politico, Roma, Ciarrapico, 1981.
  • La corte dei miracoli, Roma, G. Volpe, 1982.
  • Don Pasquale Uva. Tra passato e presente, Molfetta, Mezzina, 1983.
  • Julius Evola tra filosofia e tradizione, Roma, Ciarrapico, 1984.
  • USA & costumi. Dizionario dell'americanizzazione, Roma, Settimo Sigillo, 1985.
  • La rivoluzione conservatrice in Italia. Genesi e sviluppo della ideologia italiana, Milano, SugarCo, 1987. 1994. ISBN 88-7198-311-4, 2012. ISBN 978-88-7198-631-9.
  • Processo all'Occidente. La società globale e i suoi nemici, Milano, SugarCo, 1990.
  • Sul destino. Se la vita non sorge dal caso, Milano, SugarCo, 1992. ISBN 88-7198-137-5.
  • Itaca o del Ritorno, Rimini, Il Cerchio, 1994.
  • Sinistra e destra. Risposta a Norberto Bobbio, Firenze, Vallecchi, 1995, ISBN 88-8252-051-X.
  • L'antinovecento. Il sale di fine millennio, Milano, Leonardo, 1996. ISBN 88-04-40843-X.
  • Decamerone italiano. Breve corso di sopravvivenza nazionale in dieci sedute, Firenze, Vallecchi, 1996. ISBN 88-8252-092-7.
  • Lettera agli innamorati (con istigazione al pentimento), Faloppio, Lietocollelibri, 1996.
  • Padania, Italia. Lo Stato nazionale è soltanto in crisi o non è mai esistito?, con Gianfranco Miglio, Firenze, Le lettere, 1997. ISBN 88-7166-315-2.
  • Politicando. Il caso Italia. Gli anni della transizione. Febbraio 1992-febbraio 1998, con Bartolomeo Sorge, Genova, Marietti, 1998. ISBN 88-211-6374-1.
  • 68 pensieri sul 68. Un trentennio di sessantottite visto da destra, Firenze, Loggia de' Lanzi, 1998, ISBN 88-8105-135-4.
  • Il secolo sterminato. L'Italia laboratorio del Novecento, Milano, Rizzoli, 1998. ISBN 88-17-85250-3.
  • Comunitari o liberal. La prossima alternativa?, Roma-Bari, Laterza, 1999. ISBN 88-420-5865-3; 2006. ISBN 88-420-8005-5.
  • Di padre in figlio. Elogio della tradizione, Roma-Bari, Laterza, 2001. ISBN 88-420-6305-3.
  • La cultura della destra, Roma-Bari, Laterza, 2002. ISBN 88-420-6536-6.
  • La sconfitta delle idee, Roma-Bari, Laterza, 2003, ISBN 88-420-6973-6.
  • I vinti. I perdenti della globalizzazione e loro elogio finale, Milano, Mondadori, 2004, ISBN 88-04-52994-6.
  • La cultura della destra nell'Italia del '900. Trieste, 27 marzo 2002, con Giulio Ercolessi, Trieste, Circolo della Cultura e delle Arti, 2005.
  • Contro i barbari. La civiltà e i suoi nemici, interni ed esterni, Milano, Mondadori, 2006. ISBN 88-04-56161-0.
  • Anni incendiari. 1909-1919: il decennio che sconvolse l'arte e il pensiero, la storia e la vita, Firenze, Vallecchi, 2009, ISBN 978-88-8427-158-7.
  • Rovesciare il '68. Pensieri contromano su quarant'anni di conformismo di massa, Milano, Mondadori, 2008. ISBN 978-88-04-57412-5.
  • Sud. Un viaggio civile e sentimentale, Milano, Mondadori, 2009. ISBN 978-88-04-58729-3.
  • Amor fati. La vita tra caso e destino, Milano, Mondadori, 2010. ISBN 978-88-04-59550-2.
  • Vivere non basta. Lettere a Seneca sulla felicità, Milano, Mondadori, 2011. ISBN 978-88-04-60902-5.
  • Dio, Patria e Famiglia. Dopo il declino, Milano, Mondadori, 2012, ISBN 978-88-04-62519-3.
  • Ritorno al Sud, Milano, Oscar Mondadori, 2014. ISBN 978-88-04-64006-6.
  • Anima e corpo. Viaggio nel cuore della vita, Milano, Mondadori, 2014. ISBN 978-88-04-64101-8.
  • Carlo Michelstaedter e la metafisica della gioventù, Milano, Albo Versorio, 2014. ISBN 978-88-97553-70-0.
  • Lettera agli italiani. Per quelli che vogliono farla finita con questo paese, Venezia, Marsilio, 2015. ISBN 978-88-317-2287-2.
  • Tramonti, Roma, Giubilei Regnani, 2017. ISBN 978-88-98620-40-1

Romanzi e racconti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Giorgio Dell'Arti (a cura di), Marcello Veneziani, su Cinquantamila Giorni - Corriere della Sera.it. URL consultato il 12 novembre 2016.
  2. ^ Marcello Veneziani, La ricerca dell'assoluto in Julius Evola, Palermo, Edizioni Thule, 1979. ISBN non esistente
  3. ^ Mario Bozzi Sentieri, Dal neofascismo alla nuova destra. Le riviste 1944-1994, Roma, Nuove Idee, 2007. Pag. 221.
  4. ^ «Pagine libere di Azione Sindacale», edita dal sindacato Cisnal, proprietario della testata «Azione Sindacale». Il periodico uscì fino al 1997.
  5. ^ Marcello Veneziani, Autobiografia, su marcelloveneziani.it, 2009. URL consultato il 21 giugno 2013.
  6. ^ Articoli di Marcello Veneziani pubblicati su "Il Tempo", su iltempo.it.
  7. ^ Marcello Veneziani, La specie umana usa i gay per estinguersi?, su ilgiornale.it, 25 luglio 2012. URL consultato il 21 giugno 2013.
  8. ^ Redazione, Marcello Veneziani shock: "La specie umana usa i gay per estinguersi", su gay.tv, 25 luglio 2013. URL consultato il 21 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2013).
  9. ^ Marcello Veneziani, È l'eterno Mussolini l'uomo dell'anno 2017, Il Tempo, 30 dicembre 2017. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  10. ^ Premio Letterario Nazionale Corrado Alvaro
  11. ^ Premio Roma Archiviato il 6 aprile 2009 in Internet Archive.
  12. ^ Premio Fregene Archiviato il 22 aprile 2009 in Internet Archive.
  13. ^ Fondazione Premio Cimitile Archiviato il 22 aprile 2009 in Internet Archive.
  14. ^ Premio Hemingway Archiviato il 24 aprile 2009 in Internet Archive.
  15. ^ Premio Cirri, albo d'oro Archiviato il 22 aprile 2009 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90154953 · ISNI (EN0000 0003 7459 1248 · SBN IT\ICCU\CFIV\074279 · LCCN (ENn81025445 · GND (DE138305706 · BNF (FRcb12502616t (data)