Bartolomeo Sorge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bartolomeo Sorge (Rio Marina, 1929) è un gesuita, teologo e politologo italiano, esperto di dottrina sociale della Chiesa, e esponente del cosiddetto Cattolicesimo democratico[senza fonte].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato all'isola d'Elba da genitori di origine catanese,[1] nel 1938 si trasferisce con la famiglia a Castelfranco Veneto.[1] Nel 1946 entra nella Compagnia di Gesù, ordinato sacerdote nel 1958, si è formato a Milano, in Spagna e successivamente a Roma. Nel 1966 entrò nella redazione de La Civiltà Cattolica, quindicinale della Compagnia di Gesù e ne divenne direttore nel 1973, succedendo a padre Roberto Tucci.

Collaborò alla stesura di Octogesima adveniens, documento pontificio firmato da papa Paolo VI sull'azione della comunità cristiana in campo politico, sociale ed economico. Negli anni ottanta si attivò, con conferenze tenute in varie città d'Italia, per promuovere nei cattolici una nuova identità culturale e un nuovo ruolo politico, con l'obiettivo di una "rifondazione" della Democrazia Cristiana. Si è sempre battuto contro l'integrismo di alcuni movimenti cattolici, che al convegno "Evangelizzazione e promozione umana", svoltosi nel 1976, aveva definito «il tarlo del Vangelo».[2]

Lasciata la direzione di Civiltà cattolica nel 1985 per Palermo, dal 1986 al 1996 ha diretto l'Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe di Palermo. All'interno di questo Istituto, insieme a padre Ennio Pintacuda, con il movimento Città per l'Uomo sostenne la cosiddetta Primavera di Palermo di Leoluca Orlando e poi nel 1991 il suo movimento La Rete, ma allontanò Pintacuda nel 1992 dall'Istituto proprio per essersi troppo avvicinato al movimento.[3]

Dal 1997 vive a Milano, presso il Centro San Fedele, di cui è stato il responsabile dal giugno 1998 al settembre 2004. È stato anche direttore delle riviste Popoli fino al 2005 e Aggiornamenti Sociali fino a tutto il 2009.[4] Attualmente è direttore emerito della rivista Aggiornamenti Sociali e tiene numerose conferenze in Italia e all'estero.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bartolomeo Sorge, Uscire dal tempio, a cura di Paolo Giuntella, Rizzoli, Milano 1991, p. 25
  2. ^ Atti del Convegno ecclesiale "Evangelizzazione e promozione umana", AVE, Roma 1977, pag. 327
  3. ^ Si è spento l'ispiratore della Primavera palermitana, padre Ennio Pintacuda, su guidasicilia.it. URL consultato il 24 novembre 2008.
  4. ^ Padre Bartolomeo Sorge: aver fatto quel processo non è stato ingiusto, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 24 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Uscire dal tempio : intervista autobiografica, a cura di Paolo Giuntella, Rizzoli 1991 ISBN 88-17-11540-1
  • L' Italia che verrà, Piemme 1992 ISBN 88-384-1911-6
  • I Cattolici e l'Italia che verrà, Arnoldo Mondadori Editore 1993 ISBN 88-04-37360-1
  • Politicando. Il caso Italia. Gli anni della transizione: febbraio 1992-febbraio 1998 (Genova, Marietti, 1998)
  • Per una civiltà dell'amore. La proposta sociale della Chiesa (Brescia, Queriniana, 1999)
  • Ragioni e passioni politiche. Gli editoriali di «Città dell'Uomo» 1995-2000 (Novara Interlinea, 2000)
  • Tempo di osare. L'area popolare democratica un progetto e un movimento (Milano, Ancora, 2001)
  • L'Ulivo che verrà. Un progetto nuovo per l'Italia (Milano, Ancora, 2003)
  • Quale Italia vogliamo? Un vademecum per i cattolici in politica (Milano, Ancora, 2006)
  • Introduzione alla dottrina sociale della Chiesa (Brescia, Queriniana, 2006)
  • Il coraggio della speranza. Il ruolo dei fedeli laici nella vita pubblica (Verona, Gabrielli, 2010)
  • La traversata. La Chiesa dal Concilio Vaticano II a oggi (Milano, Mondadori, 2010)
  • Oltre le mura del tempio. Cristiani tra obbedienza e profezia, con Aldo Maria Valli (Milano, Paoline, 2012)
  • Gesù sorride. Con papa Francesco oltre la religione della paura (Milano, Piemme, 2014)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45100657 · ISNI (EN0000 0001 1949 3464 · SBN IT\ICCU\CFIV\093178 · LCCN (ENn79084137 · BNF (FRcb12940435k (data)