Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Cronaca degli Anni Passati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Manoscritto Nestoriano)
Cronaca degli anni passati
Titolo originale Повѣсти времѧньных лѣт
Altri titoli Manoscritto Nestoriano
Autore Nestor di Pečerska
1ª ed. originale circa 1116
Genere cronaca
Lingua originale Slavo ecclesiastico
Mark Antokolski, Nestor, 1890

La Cronaca degli anni passati, o Racconti degli anni passati (in slavo ecclesiastico: Повѣсти времѧньных лѣт, traslitterato: Pověsti vremęnĭnykh lět; in russo: Повесть временных лет?, traslitterato: Póvest' vremenných ljet), spesso chiamata anche Cronaca di Nestore, è la più antica cronaca russa. Nei Paesi anglosassoni è indicata anche come Cronaca primaria (Primary Chronicle).

La Cronaca è la storia della Rus' di Kiev, il più antico stato russo, dall'850 al 1110, e si suppone sia stata scritta intorno al 1116. L'opera è dunque una fonte primaria di informazioni sulla storia dell'Europa orientale nel Medioevo, ed è fondamentale per la storia della Russia, della Bielorussia, dell'Ucraina e della Polonia.

Autori e redattori[modifica | modifica wikitesto]

Da lungo tempo la stesura è stata attribuita a Nestor di Pečerska, monaco delle Grotte di Kiev: questo è il motivo per cui nella storiografia russa fino al XIX secolo era conosciuta anche come Cronaca di Nestore (o anche Manoscritto nestoriano, ma con l'avvertenza che non possediamo nessun "manoscritto" di Nestor).

Attualmente si ritiene che la Cronaca degli anni passati sia un collage di molti frammenti di cronache, e che l'attribuzione a Nestor sia legata al suo ruolo di autore soltanto di una parte del materiale, e di redattore degli altri contributi. Altri frammenti sono attribuiti a un tale Silvestro di Kiev, che fu igumeno del monastero di San Michele nel villaggio di Vydubyči (vicino a Kiev) durante il regno di Vladimir Monomach, e altri al principe Mstislav il Grande.

Manoscritti[modifica | modifica wikitesto]

Il manoscritto originale è andato perduto e la copia più antica ha sicuramente subito integrazioni posteriori, così che è molto difficile stabilire l'esatto contenuto del testo originale e da quante mani sia stato scritto.

Numerosi studiosi hanno tentato di ricostruire il testo originale basandosi sulle copie posteriori e su annotazioni provenienti da altre cronache.

La Cronaca degli anni passati è giunta a noi attraverso numerosi manoscritti, nessuno dei quali è contemporaneo alla stesura originale dell'opera. Due di essi sono considerati fondamentali nella trasmissione del testo:

Entrambi i manoscritti, considerati gli archetipi della tradizione, raccolgono non solo la Cronaca degli anni passati, ma anche altre cronache slave orientali, come quella della Volinia e quella di Velikij Novgorod.

Un altro testimone importante è il manoscritto Radziwiłł (noto anche come manoscritto di Königsberg, BAN 34.5.30), datato intorno all'anno 1490.[2]

Fonti e modelli[modifica | modifica wikitesto]

La Cronaca degli anni passati è un "continuum" cronologico. Come molte altre cronache coeve, inizia con un accenno al diluvio universale e alla divisione dei popoli della terra, con l'elenco delle tribù slave. Il compilatore mostra di conoscere a fondo la storiografia bizantina; egli fa uso specialmente di Giovanni Malalas e di Giorgio Monaco (detto Amartolo).

L'estensore della Cronaca degli anni passati ebbe anche sicuramente la possibilità di consultare altre cronache in lingua slava, oggi perdute. Molte leggende sono mescolate alla storia nella "Cronaca Nestoriana", il cui stile è talvolta così poetico da far pensare che si tratti di parti tratte da byliny (poemi epici in lingua slava) andati perduti.

La parte più antica è ricca di queste leggende, tra le quali sono collocati fatti storici come l'arrivo dei tre fratelli variaghi Rjurik, Sineus e Truvor, la fondazione di Kiev (ad opera del leggendario principe Kij della tribù dei Pogliani), l'assassinio di Askold e Dir, la morte di Oleg, ucciso da un serpente nascosto nello scheletro del suo cavallo, e la vendetta perseguita da Ol'ga, moglie di Igor', sui Drevliani che avevano ucciso suo marito.

Il resoconto dell'opera dei santi Cirillo e Metodio tra i popoli slavi è di grande interesse, e al monaco Nestor dobbiamo anche la narrazione di come Vladimir il Santo soppresse a Kiev il culto di Perun e degli altri dèi della religione tradizionale slava.

Come testimone oculare il cronista descrive solo i regni di Vsevolod e Sviatolpolk (10781112), ma afferma di aver raccolto molte informazioni dalle labbra di uomini anziani, due dei quali furono Gjurjata Rogovič (Гюрята Рогович) di Novgorod, conoscitore del nord della Rus' di Kiev, della zona del fiume Pečora e di altri luoghi, e di Jan Vyšatič (Ян Вышатич), un uomo che morì all'età di novant'anni nel 1106 ed era il figlio di Vyšata, voivoda di Jaroslavl', e il nipote di Ostromir il Posadnik per il quale la cronaca era stata scritta.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

La lingua della Cronaca degli anni passati, come si ricava dal più antico manoscritto menzionato, è lo slavo ecclesiastico con molti russismi.

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nessuna confusione, quindi, deve essere fatta con il Codice Laurenziano, raccolta di liriche italiane del XIII secolo.
  2. ^ Oleksij Tolochko, Notes on the Radziwiłł Codex, in Studi Slavistici, vol. 10, Firenze, 2013, pp. 29-42, ISSN 1824-761X. URL consultato il 20 agosto 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trascrizioni del testo originale[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni inglesi[modifica | modifica wikitesto]

Traduzione francese[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]