Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Antica lingua slava orientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antica lingua slava orientale
Русьскыи языкъ rusĭskŭ yazyk
Parlato in Rus' di Kiev
Periodo X - XV secolo
Locutori
Classifica estinta
Altre informazioni
Scrittura alfabeto cirillico
Tipo SVO
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Balto-slave
  Slave
   Proto-slave
    Antica lingua slava orientale †
Codici di classificazione
ISO 639-3 orv (EN)
Glottolog oldr1238 (EN)
Una pagina delle Miscellanee di Svyatoslav, datato 1073

L'antico slavo orientale (Русьскыи языкъ, lingua rusĭskŭ) è stata una lingua utilizzata tra il X ed il XV secolo dagli Slavi orientali. Nella Rus' di Kiev era la lingua ufficiale e inizialmente la lingua parlata, mentre negli Stati che si sono evoluti dal suo collasso diventò una lingua letteraria.

La lingua è considerata un'evoluzione della lingua paleoslava.

Dialetti correlati alla antica lingua slava orientale erano parlati nei territori corrispondenti agli attuali stati della Russia occidentale, Bielorussia e Ucraina.

Dopo la fine dell'invasione mongola, quando i territori della Rus' di Kiev furono spartiti fra il Granducato di Lituania ad ovest e la Moscovia a est, le lingue ufficiali e parlate in ciascuno dei due stati divennero il ruteno-ucraino e il bielorusso ad occidente e il russo ad oriente, nonostante ciò però, da tale periodo fino al XV secolo l'antico slavo orientale fu usato come lingua letteraria.

Controllo di autorità GND: (DE4142091-3