Mademoiselle Docteur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mademoiselle Docteur
Mademoiselle Docteur.jpg
Dita Parlo in una scena del film
Titolo originaleMademoiselle Docteur / Salonique, nid d'espions
Paese di produzioneFrancia
Anno1937
Durata116 minuti
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generedrammatico, guerra, sentimentale
RegiaGeorg Wilhelm Pabst
SceneggiaturaLeo Birinsky, Herman J. Mankiewicz, Jacques Natanson, Georges Neveux, Irma von Cube
ProduttoreRomain Pinès
Produttore esecutivoConstantin Geftman
Casa di produzioneFilms Romain Pinès, Les Films Trocadero, Pathé
FotografiaEugen Schüfftan
MontaggioLouisette Hautecoeur, Marc Sorkin
MusicheArthur Honegger, Casimir Oberfeld
ScenografiaRobert Hubert, Serge Piménoff
CostumiGeorges Annenkov
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mademoiselle Docteur, ridistribuito nel 1954 col titolo Salonicco, nido di spie, è un film del 1937 diretto da Georg Wilhelm Pabst.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante la prima guerra mondiale, Anne-Marie Lesser è Mademoiselle Docteur, sfuggente spia tedesca. Inviata in missione a Salonicco, si muove nelle situazioni più disperate con distaccata tranquillità, che diminuisce pian piano quando si fa coinvolgere da un giovane ufficiale francese.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

«[...] Era davvero interessante vedere come un Pabst se la sarebbe cavata, alle prese con tralicci del genere. Se l'è cavata da maestro. Ove si accettui il penultimo episodio della fuga, americaneggiante più del necessario, tutto il vasto film è sempre sostenuto da una solidità di racconto che avvince e convince. Una sceneggiatura robusta e sagace d'incastri e di trapassi, un dialogo scarno e secco (chi se lo sarebbe aspettato da Natanson), lo sfondo sonoro della sempre intelligente musica di un Honegger, questi elementi hanno fornito la tela sulla quale Pabst ha disegnato la sua potente regia. [...] Da sottolineare tutte le sfumature e le note vibranti d'umanità accennata che Pabst ha saputo dare al saldo ordito del suo romanzone. [...] Doppiato accuratissimo.»

(Mario Gromo su La Stampa del 6 ottobre 1937)

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema