Maddalena Sibilla d'Assia-Darmstadt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maddalena Sibilla d'Assia-Darmstadt
109Magdalena Sibylla.jpg
Duchessa di Württemberg
In carica 1674-1677
Nascita Darmstadt, 28 aprile 1652
Morte Kirchheim unter Teck, 11 agosto 1712
Padre Luigi VI, langravio d'Assia-Darmstadt
Madre Maria Elisabetta di Holstein-Gottorp
Consorte Guglielmo Ludovico, duca di Württemberg

Maddalena Sibilla d'Assia-Darmstadt (Darmstadt, 28 aprile 1652Kirchheim unter Teck, 11 agosto 1712) fu una nobile tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Luigi VI d'Assia-Darmstadt, Langravio d'Assia-Darmstadt dal 1661 al 1678, e della prima moglie Maria Elisabetta di Holstein-Gottorp, figlia di Federico III di Holstein-Gottorp.

Fu combinato per lei il matrimonio con Guglielmo Ludovico di Württemberg, figlio ed erede del duca Eberardo III di Württemberg. Le nozze avvennero il 6 novembre 1673 a Darmstadt[1]. L'anno dopo, alla morte del suocero, divenne duchessa consorte di Württemberg-Stuttgart, titolo che mantenne fino alla morte di suo marito, avvenuta il 23 giugno 1677.

Miniatura di Maddalena con il figlio e il reggente.

Suo figlio, che aveva appena un anno quando morì il padre, ereditò il ducato, e reggente per lui venne nominato lo zio Federico Carlo di Württemberg-Winnental. Maddalena, tuttavia, fu di fatto reggente anche lei, instaurando una politica di intrighi e alleanze politiche in opposizione al governo reggente. Quando i francesi catturarono il cognato, l'imperatore Leopoldo dichiarò il duca maggiorenne[2]. Maddalena mantenne, come sua proprietà dotale, il castello e i territori di Leonberg[2].

Successivamente Eberardo sposò Giovanna Elisabetta di Baden-Durlach. L'unica figlia di Maddalena Sibilla che le sopravvisse, Maddalena Guglielmina, crebbe in Svezia[2] e fu data in sposa a Carlo III Guglielmo di Baden-Durlach, fratello di Giovanna Elisabetta. Venne così sancita una doppia alleanza con il Baden-Durlach.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio nacquero quattro figli[3]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10718849 · GND (DE122063317 · CERL cnp00931922