Federico II di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Federico II di Danimarca
1581 Frederik 2..jpg
Federico II di Danimarca in un ritratto attribuito ad Hans Knieper oppure Melchior Lorck
Re di Danimarca e Norvegia
Stemma
In carica 1º gennaio 1559 –
4 aprile 1588
Incoronazione 20 agosto 1559, Cattedrale di Nostra Signora, Copenaghen
Predecessore Cristiano III
Successore Cristiano IV
Altri titoli Duca di Schleswig-Holstein
Nascita Haderslev, 1º luglio 1534
Morte Castello di Antvorskov, Selandia, 4 aprile 1588
Luogo di sepoltura Cattedrale di Roskilde
Casa reale Casa di Oldenburg
Padre Cristiano III di Danimarca
Madre Dorotea di Sassonia-Lauenburg
Consorte Sofia di Meclemburgo-Güstrow
Figli Elisabetta
Anna
Cristiano
Ulrico Giovanni
Giovanni Augusto
Augusta
Edvige
Giovanni
Religione luteranesimo
Firma Signatur Friedrich II. (Dänemark und Norwegen).PNG

Federico II di Danimarca (Haderslev, 1º luglio 1534Antvorskov, 4 aprile 1588) fu re di Danimarca e di Norvegia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Cristiano III di Danimarca, e di sua moglie, Dorotea di Sassonia-Lauenburg. A differenza del padre, risentiva degli ideali militari dell'epoca ed aveva ambizioni espansionistiche; sin da giovane strinse amicizia con alcuni bellicosi sovrani tedeschi.

Dal suo predecessore, ha ereditato la guerra di Livonia. Egli cercò di evitare il conflitto e consolidare i rapporti amichevoli con Ivan IV di Russia con la firma del Trattato di Mozhaysk nel 1562.

Il principale conflitto durante il suo regno fu la guerra del nord dei sette anni (1563-1570), durante la quale cercò invano di conquistare la Svezia, retta dal cugino Erik XIV; la guerra si tramutò in una guerra di logoramento. Federico in persona condusse l'esercito in battaglia, senza ottenere grandi risultati e la guerra ebbe come conseguenza l'indebolimento dei rapporti con i suoi consiglieri. La guerra si concluse con un nulla di fatto e dimostrò i limiti della potenza militare danese.

Dopo la guerra Federico mantenne la pace senza rinunciare al suo tentativo di cercare di espandere il suo prestigio. La sua politica estera era caratterizzata da un sostegno morale alle potenze protestanti - fu uno dei pretendenti che corteggiò la regina Elisabetta I d'Inghilterra, una iniziativa che lo fece nominare Cavaliere della Giarrettiera - ma allo stesso tempo da una stretta neutralità.

Come persona Federico è stato descritto come una testa calda, vanitoso, coraggioso e ambizioso. Era un amante della caccia, del vino e delle feste e alla sua morte era opinione comune che aveva bevuto fino alla morte.

Federico ricostruì il Castello di Kronborg ad Elsinore; nel 1567 fondò la cittadina di Fredrikstad in Norvegia[1]. Era un grande mecenate e amico personale del famoso astronomo Tycho Brahe[2]. Per risanare i conti statali, crollati tra il 1566 e il 1567, nominò Peder Oxe ministro delle finanze del regno.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 20 luglio 1572, Sofia di Meclemburgo-Güstrow, figlia di Ulrico III di Meclemburgo-Güstrow, una discendente del re Giovanni di Danimarca. Ebbero otto figli:

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 4 aprile 1588. Fu sepolto nella cattedrale di Roskilde[3].

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Cristiano I di Danimarca Dietrich di Oldenburg  
 
Edvige di Schauenburg  
Federico I di Danimarca  
Dorotea di Brandeburgo Giovanni l'Alchimista  
 
Barbara di Sassonia-Wittenberg  
Cristiano III di Danimarca  
Giovanni I di Brandeburgo Alberto III di Brandeburgo  
 
Margherita di Baden  
Anna del Brandeburgo  
Margherita di Turingia Guglielmo III di Sassonia  
 
Anna d'Asburgo  
Federico II di Danimarca  
Giovanni V di Sassonia-Lauenburg Bernardo III di Sassonia-Lauenburg  
 
Adelaide di Pomerania-Stolp  
Magnus I di Sassonia-Lauenburg  
Dorotea di Hohenzollern Federico II di Brandeburgo  
 
Caterina di Sassonia  
Dorotea di Sassonia-Lauenburg  
Enrico IV di Brunswick-Lüneburg Guglielmo IV di Brunswick-Lüneburg  
 
Elisabetta di Stolberg-Wernigerode  
Caterina di Braunschweig-Lüneburg  
Caterina di Pomerania-Wolgast Eric II di Pomerania-Wolgast  
 
Sofia di Pomerania-Stolp  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze danesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (Regno Unito)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fredrikstad museum Archiviato il 21 gennaio 2008 in Internet Archive.
  2. ^ Pierre Gassendi, "Tycho Brahe, the man and his work" (original in latin), 1654. This book was translated to swedish and commented by Wilhelm Norlind, 1951
  3. ^ Frederik II (1559-1588) (Familien Sørensens Hjemmeside - og Rejseholdet)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76289325 · ISNI (EN0000 0000 6129 9035 · LCCN (ENn88222644 · GND (DE118703188 · BNF (FRcb14599622k (data) · BAV (EN495/137497 · CERL cnp00398480 · WorldCat Identities (ENlccn-n88222644