Federico I di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Federico I di Danimarca
Frederik 1.jpg
Re Federico I
Re di Danimarca
Stemma
In carica 1523 –
10 aprile 1533
Predecessore Cristiano II
Successore Cristiano III
Nascita Haderslevhus, 7 ottobre 1471
Morte Gottorp, 10 aprile 1533
Luogo di sepoltura Cattedrale di Schleswig
Casa reale Casa di Oldenburg
Padre Cristiano I di Danimarca
Madre Dorotea di Brandeburgo
Consorte Anna di Brandeburgo
Sofia di Pomerania
Religione cattolicesimo

Federico I di Danimarca e Norvegia (Haderslevhus, 7 ottobre 1471Gottorp, 10 aprile 1533) è stato re di Danimarca e Norvegia dal 1523 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Cristiano I di Danimarca, Norvegia e Svezia (1426-1481), primo sovrano della Casa di Oldenburg, e di sua moglie, Dorotea di Brandeburgo (1430-1495)

Non ancora adulto, Federico fu eletto co-Duca di Schleswig e Holstein nel 1482, subito dopo la morte del padre; l'altro co-Duca era il fratello, più vecchio di dieci anni, Giovanni di Danimarca. Alla maggior età di Federico, nel 1490, i ducati vennero divisi tra i fratelli.

Nel 1500 convinse il fratello e il co-duca alla conquista di Dirthmarschen, e un grande esercito fu chiamato non solo dai ducati, ma anche dall'Unione Kalmar, di cui il fratello fu brevemente re. Anche numerosi mercenari tedeschi vi presero parte. La spedizione fallì miseramente nella Battaglia di Hemmingstadt, in cui un terzo dei cavalieri dello Schleswig e Holstein perse la vita.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1523, il nipote Cristiano II, re di Danimarca e Svezia, fu obbligato dai nobili ad abdicare, e il duca salì al trono come Federico I. Un gruppo di nobili dello Jutland aveva offerto a Federico la corona già nel 1513, quando il fratello Giovanni era morto, ma Federico aveva rifiutato, credendo che la maggioranza dei nobili danesi sarebbero stati fedeli al Principe Cristiano.

Durante il regno, Federico dovette sopprimere rivolte sociali tra i contadini, nello stesso periodo della Riforma Protestante. Senza essere un uomo di grande competenza a guidare lo stato, riuscì a evitare tutti i conflitti aperti di religione. Nel 1532 Federico riuscì a catturare Cristiano II, che aveva cercato tornare sul trono in Norvegia.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Primo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, nel 1502, la quindicenne Anna del Brandeburgo (1487-1514), figlia di Giovanni I di Brandeburgo, cugino di sua madre. La coppia ebbe due figli:

Anna morì il 5 maggio 1514, a 26 anni.

Secondo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, nel 1518, Sofia di Pomerania (1498-1568), figlia del duca Boghislao X di Pomerania e di Anna di Polonia. Ebbero sei figli:

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 10 aprile 1533, a Gottorp, all'età di 61 anni. Fu sepolto nella Cattedrale di Schleswig.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante
Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4921143 · ISNI (EN0000 0000 5042 702X · GND (DE119187620 · BNF (FRcb10667563d (data)