Augusta di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Augusta di Danimarca
Augusta de Danemark.jpg
Duchessa di Holstein-Gottorp
Nascita Koldinghus, 8 aprile 1580
Morte Castello di Husum, 5 febbraio 1639
Padre Federico II di Danimarca
Madre Sofia di Meclemburgo-Güstrov
Consorte Giovanni Adolfo, Duca di Holstein-Gottorp

Augusta di Danimarca (8 aprile 15805 febbraio 1639) fu una principessa danese e duchessa consorte di Holstein-Gottorp.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Federico II di Danimarca, re di Danimarca, Norvegia e Svezia, e di Sofia di Meclemburgo-Güstrov.

Sposò il 30 agosto 1596 a Copenaghen il duca Giovanni Adolfo di Holstein-Gottorp[1].

Diede alla luce nove figli[2]:

Il matrimonio dei duchi di Holstein-Gottorp fu segnato da incomprensioni di natura religiosa: quando nel 1614 venne nominato vicario di corte il calvinista Cæsar, Augusta rifiutò di partecipare alle funzioni religiose. Quando suo marito morì, provvide quindi a cacciar via il calvinista e nominò al suo posto Jacob Fabricius.

Augusta si trovò infatti ad essere molto influente politicamente durante il regno di suo figlio Federico, succeduto al padre sul trono del ducato.

La duchessa madre governò autonomamente sui territori di pertinenza del castello di Husum, parte della sua dote. Qui, nella sua corte, promosse l'arte e la cultura. Diede protezione, tra l'altro, alla scrittrice Anna Owena Hoyer, quando fuggì presso la regina svedese Maria Eleonora del Brandeburgo nel 1632.

Nel 1631 entrò in conflitto con suo fratello Cristiano IV di Danimarca per la ricca eredità lasciata dalla loro madre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN8234537 · GND (DE12112357X · CERL cnp00427367