Danimarca-Norvegia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Regno di Danimarca e Norvegia)
Danimarca-Norvegia
Danimarca-Norvegia – Bandiera Danimarca-Norvegia - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Dati amministrativi
Nome completo Danimarca-Norvegia
Nome ufficiale Danmark-Norge
Dänemark-Norwegen
Lingue ufficiali danese, tedesco
Lingue parlate norvegese, islandese, frisone, faroese, groenlandese
Capitale Copenaghen
Dipendente da Danimarca
Politica
Forma di Stato monarchia
Forma di governo monarchia
Re Re di Danimarca
Nascita 1524 con Federico I
Causa dissoluzione dell'Unione di Kalmar
Fine 1814 con Cristiano VIII
Causa il trono di Norvegia fu ceduto al re di Svezia
Territorio e popolazione
Bacino geografico Scandinavia
Territorio originale Danimarca
Economia
Valuta Rigsdaler danese, Rigsdaler norvegese
Religione e società
Religione di Stato luteranesimo
Danimarca-Norvegia - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of the Kalmar Union.svg Unione di Kalmar
Succeduto da Danimarca Danimarca
Flag of Norway (1814–1821).svg Regno di Norvegia (1814)

La Danimarca-Norvegia fu uno Stato dell'Europa del nord, esistito dal 1536 al 1814 ed univa i regni di Danimarca e Norvegia. Comprendeva anche le colonie norvegesi dell'Islanda, Groenlandia e isole Fær Øer. A seguito della rottura dell'unione di Kalmar che raggruppava i regni di Norvegia, Danimarca e Svezia, i primi due si unirono di nuovo nel 1536. Quest'unione durò fino al 1814, anno in cui la Francia di Napoleone fu sconfitta e si tenne il congresso di Vienna, che obbligò la Danimarca-Norvegia, sconfitta, a cedere la Norvegia alla Svezia. Al momento della separazione della Norvegia dalla Danimarca nel 1814[1][2] quando, con il Trattato di Kiel, tutti i possedimenti ex-norvegesi, Islanda, Groenlandia, Isole Fær Øer, Jan Mayen e Indie Occidentali danesi, rimasero alla Danimarca.

La Danimarca-Norvegia era formata dai seguenti territori:

Uso del termine[modifica | modifica wikitesto]

Il termine di "Regno di Danimarca" è talvolta utilizzato per indicare entrambi i regni di Danimarca e Norvegia durante il periodo in cui furono uniti, dal momento che tutte le direttive politiche ed economiche venivano emanate dalla capitale danese di Copenhagen. Il termine era storicamente utilizzato per indicare anche i "territori reali" della casata degli Oldenburg come apparivano al 1460, e cioè escludendo i "territori ducali" dello Schleswig e dell'Holstein. L'amministrazione utilizzava due lingue ufficiali, danese e tedesco, e per secoli vennero addirittura tenute due cancellerie distinte per lingua.[3]

Il termine "Danimarca-Norvegia" riflette invece chiaramente i legami dell'unione realizzatasi dopo la rottura di quella di Kalmar, al punto che questa fu la dicitura adottata nei titoli ufficiali della dinastia degli Oldenburg- I re utilizzarono i titoli di "Re di Danimarca e Norvegia, re dei Wendi e dei Goti" (Konge til Danmark og Norge, de Venders og Gothers). Danimarca e Norvegia, spesso indicati come "Regni gemelli" (Tvillingrigerne) di Danimarca-Norvegia, avevano però codici legislativi separati e separata monetazione, oltre a differenti istituzioni di governo. Dopo l'introduzione dell'assolutismo nel 1660, la centralizzazione del governo mantenne la concentrazione delle istituzioni a Copenhagen. La centralizzazione venne supportata anche in molte parti della Norvegia che era intenzionata a mantenere dei legami sicuri con la madrepatria per rifornimenti e per ragioni militari.

Colonie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Impero coloniale danese.
Mappa dei possedimenti coloniali della Danimarca-Novegia nel 1800 circa

Durante la sua esistenza, la Danimarca-Norvegia godette anche di numerosi territori coloniali oltremare, in particolare in Europa settentrionale ed in America del Nord, come ad esempio l'Estonia danese o i possedimenti norvegesi di Groenlandia, delle Isole Faroe e dell'Islanda.

Dal XVII secolo, i regni acquisirono delle colonie in Africa, nei Caraibi ed in India. Al suo azimuth l'impero si estendeva per 2.655.564,76 km²[4]

India[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: India danese.

La Danimarca–Norvegia mantenne numerose colonie tra il XVII ed il XIX secolo in varie parti dell'India. Tra queste ricordiamo le città di Tranquebar e Serampore. Quest'ultimo territorio venne venduto al Regno Unito nel 1845. I diritti sulle Isole Nicobar vennero venduti nel 1869.

Caraibi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Indie occidentali danesi.

Incentrati sulle Isole Vergini, i possedimenti della Danimarca-Norvegia nelle Indie occidentali danesi furono le più lunghe a sopravvivere e vennero vendute agli Stati Uniti solo nel 1917.

Africa occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Costa d'Oro danese.

Nella Costa d'Oro dell'Africa occidentale, la Danimarca-Norvegia ebbe il controllo di diverse colonie e forti difensivi. L'ultimo di questi forti venne venduto al Regno Unito nel 1850.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini dell'Unione[modifica | modifica wikitesto]

Carta marina, una delle prime mappe dei paesi nordici, realizzata tra la fine dell'Unione di Kalmar e l'inizio della Danimarca-Norvegia

I tre regni vennero uniti nell'Unione di Kalmar nel 1397. La Svezia uscì e rientrò da questa unione diverse volte, sino al 1521 quando infine lasciò definitivamente l'unione, abbandonando a sé la Danimarca-Norvegia (inclusi i possedimenti del Nord Atlantico e dell'isola di Saaremaa nell'attuale Estonia).

La Guerra dei Sette anni del Nord[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra del nord dei sette anni.

Lo scoppio della Guerra dei Sette anni del Nord nel 1563 è in gran parte attribuita alla Danimarca che si trovò dispiaciuta dalla dissoluzione dell'Unione di Kalmar. Quando il re danese Cristiano III (regnante 1534–1559) incluse il tradizionale stemma svedese con tre corone nel proprio stemma, gli svedesi interpretarono questo atto come delle pretese danesi sulla Svezia. Per tutta risposta Erik XIV di Svezia (regnante 1560–1568) aggiunse lo stemma della Norvegia e della Danimarca nel proprio stemma.

Dopo che il re Erik introdusse degli altri ostacoli per cercare di impedire il commercio con la Russia, la città di Lubecca e la Confederazione Polacco-Lituana si unirono alla Danimarca in alleanza. La Danimarca portò avanti un attacco navale verso la Svezia che effettivamente diede il via alla guerra. Dopo sette anni di combattimenti, alla fine il conflitto si concluse nel 1570 con uno status quo ante bellum.

La Guerra di Kalmar[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra di Kalmar.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Kringen.
Cristiano IV di Danimarca

Per i domini della Danimarca-Norvegia nel Mar Baltico (dominium maris baltici) e nel Mare del Nord, la Svezia cercò di evitare il pagamento di un dazio commerciale locale. Il re svedese Carlo IX cercò quindi di aprire una nuova via commerciale attraverso la Lapponia e la Norvegia del nord. Nel 1607 lo stesso Carlo IX si dichiarò "Re dei Lapponi del Nord" ed iniziò a raccogliere tasse anche nel territorio norvegese.

La Danimarca re Cristiano IV di Danimarca protestarono contro queste azioni svedesi, dal momento che essi non avevano intenzione di permettere l'apertura di questa nuova via commerciale ma anzi l'idea di Cristiano IV era quella di costringere la Svezia a riunirsi alla Danimarca. Nel 1611 la Danimarca infine decise di invadere la Svezia con 6000 uomini e prese la città di Kalmar. Il 20 gennaio 1613, il Trattato di Knäred venne siglato e con esso la via commerciale norvegese venne abolita e gli svedesi vennero costretti al pagamento dell'Riscatto di Älvsborg con due fortezze alla Danimarca. La Svezia ottenne però l'esenzione dal pagamento dei dazi commerciali ed ottenne garanzia di questo anche dalla Gran Bretagna e dall'Olanda

I frutti del Riscatto di Älvsborg[modifica | modifica wikitesto]

Il grande riscatto pagato dalla Svezia (noto col nome di Riscatto di Älvsborg) venne utilizzato da Cristiano IV, tra le altre cose, per fondare le città di Glückstadt, Christiania (ricostruita dopo un incendio), Christianshave, Christianstad e Christianssand. Egli istituì anche la Compagnia danese delle Indie orientali che portò alla fondazione di numerose colonie danesi in India.

La Guerra dei Trent'anni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra dei Trent'anni.

Non molto tempo dopo la Guerra di Kalmar, la Danimarca-Norvegia rimase coinvolta in un'altra grande guerra, nella quale combatté a fianco della Germania settentrionale e di altri stati protestanti contro gli stati cattolici guidati dalla Lega cattolica tedesca.

Cristiano IV cercò di divenire il capo degli stati luterani della Germania settentrionale, ma la Battaglia di Lutter del 1626 fu per la Danimarca una tremenda sconfitta. Questo portò molti stati protestanti tedeschi a cessare il loro supporto a Cristiano IV. Dopo un'altra sconfitta pesante nella Battaglia di Wolgast ed al successivo Trattato di Lubecca del 1629 che proibiva alla Danimarca futuri interventi nelle questioni tedesche, la partecipazione della Danimarca alla guerra terminò.

La Guerra di Torstenson[modifica | modifica wikitesto]

Trattato di Brömsebro, 1645.

     Danimarca–Norvegia

     Svezia

     Province di Jemtland, Herjedalen, Idre e Serna e le isole del baltiche di Gotland ed Ösel, che vennero cedute alla Svezia

     La provincia di Halland, ceduta per 30 anni.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra di Torstenson.

La Svezia al contrario della Danimarca conobbe grande fortuna nel corso della Guerra dei Trent'anni. La Svezia vide l'opportunità dunque di invertire le sorti del potere nella Scandinavia. La Danimarca-Norvegia aveva fatto l'intero suo territorio circondato dalla Svezia. Nel 1643 il Consiglio Privato di Svezia determinò la possibilità di intraprendere una guerra contro la Danimarca-Norvegia con ottimi risultati. Per questo la Svezia decise di invadere la Daniamrca-Norvegia.

La Danimarca era ben poco preparata alla guerra e la Norvegia era riluttante ad attaccare la Svezia, fatto che concesse agli svedesi delle ottime posizioni di partenza.

Come previsto la guerra si concluse con la vittoria degli svedesi e con la firma del Trattato di Brömsebro nel 1645, col quale la Danimarca-Norvegia venne costretta a cedere alcuni dei propri territori, tra cui quelli norvegesi di Jemtland, Herjedalen e Idre e Serna, oltre alle isole danesi nel baltico di Gotland e Ösel. Per questo la Guerra dei Trent'anni segnò il rafforzamento dell'Impero svedese ed il declino della potenza della Danimarca.

Treaty of Roskilde, 1658.

     Halland, occupata dagli svedesi per 30 anni periodo negoziato secondo la Pace di Brömsebro nel 1645, che però non venne più ceduta alla Danimarca

     Le terre scandinave e la conta di Båhus che vennero cedute

     Le province di Trøndelag e Bornholm, cedute nel 1658, ma ribellatesi agli svedesi e ritornate sotto il dominio danese nel 1660

La Seconda Guerra del Nord[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerre del nord.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra danese-svedese (1657-1658).

La guerra danese-svedese (1657-1658), parte della Seconda Guerra del Nord, fu una delle guerre più devastanti per i regni danese e norvegese. Dopo importanti perdite nella guerra, la Danimarca-Norvegia venne costretta sulla base del Trattato di Roskilde a cedere alla Svezia praticamente metà del proprio territorio statale. Tra queste parti erano incluse le province norvegesi di Trøndelag e Båhuslen, tutte le restanti province danesi in territorio svedese e l'isola di Bornholm.

Ad ogni modo, due anni dopo, nel 1660, vi fu un ulteriore trattato, il Trattato di Copenhagen, che restituì Trøndelag e Bornholm alla Danimarca-Norvegia.

Lo stato assolutista[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'ultima secessione svedese dall'Unione di Kalmar nel 1521, la guerra civile e la riforma protestante presero piede in Danimarca ed in Norvegia. Sfruttando questo momento di incertezza politica, il Rigsraad (Gran Consiglio) della Danimarca si indebolì e venne definitivamente abolito dal sovrano nel 1660[5] che pertanto diede alla Danimarca-Norvegia la connotazione di uno stato assolutista come monarchia ereditaria, come la Norvegia era stata del resto sin dal medioevo. Questi cambiamenti vennero confermati nella Lex Regia siglata il 14 novembre 1665, la quale prevedeva che tutti i poteri dovessero risiedere nelle mani del re che ne era l'unico responsabile verso Dio.[6] Il Riksråd norvegese si riunì per l'ultima volta nel 1537. La Norvegia mantenne comunque proprie leggi separate ed istituzioni, come la presenza di un proprio cancelliere reale, stemmi e monetazione differenti dalla madrepatria. Sino al 1748 mantenne inoltre una propria bandiera sino a quando il Dannebrog svedese non venne ufficializzato anche in Norvegia.

La Guerra di Scania[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra di Scania.

La Danimarca aveva perso le sue province in Scania dopo il Trattato di Roskilde ed era intenzionata a riottenerle, ma la Svezia aveva raggiunto un potere tale che non era intenzionata ad accondiscendere a queste richiste. Ad ogni modo, Cristiano V vide l'opportunità di far propendere le cose a suo favore quando la Svezia venne coinvolta nella Guerra franco-olandese e dopo alcune esitazioni la Danimarca decise di invadere la Svezia nel 1675.

Anche se l'iniziale assalto danese ebbe un notevole successo, gli svedesi guidati dal diciannovenne Carlo XI contrattaccarono riprendendosi le terre occupate. La guerra si concluse con la Francia che dettò le condizioni di pace, ma tra Danimarca e Svezia non vi furono de facto perdite o acquisizioni.

Le Guerre Napoleoniche e la fine dell'Unione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerre Napoleoniche.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra delle cannoniere.
Battaglia tra la fregata Tartar ed una cannoniera norvegese presso Bergen nel 1808.

Durante le Guerre rivoluzionarie francesi la Danimarca-Norvegia dapprima cercò di rimanere neutrale negli scontri, così da poter continuare indisturbata il proprio commercio con la Francia e col Regno Unito, ma quando decise di entrare nella Lega di Neutralità Armata gli inglesi considerarono tale atto come un'azione ostile ed attaccarono Copenhagen nel 1801 e nuovamente nel 1807. Nell'attacco a Copenhagen del 1807 l'esercito inglese confiscò l'intera marina danese-norvegese con la scusa che la Danimarca-Norvegia era sul punto di lanciare un attacco alla Gran Bretagna. La marina danese-norvegese sarebbe stata l'unica marina in Europa all'epoca in grado di confrontarsi con quella britannica dopo la distruzione della flotta ispano-francese nella Battaglia di Trafalgar. La marina danese-norvegese non era ad ogni modo sufficientemente preparata per alcuna operazione su vasta scala contro le forze inglesi e pertanto rimase entro i propri porti per tutta la stagione invernale. I danesi-norvegesi erano infatti maggiormente interessati a mantenere la loro neutralità e per questo si impegnarono col proprio esercito a Danevirke nell'eventualità di un attacco da parte francese, lasciando Copenhagen vulnerabile all'attacco inglese. L'attacco degli inglesi alla neutralità dichiarata dei danesi, portò questi ad allearsi con Napoleone.

La Danimarca-Norvegia venne sconfitta e dovette cedere i territori della Norvegia al re di Svezia con il Trattato di Kiel. I possedimenti norvegesi oltremare vennero mantenuti dalla Danimarca. I norvegesi ad ogni modo obbiettarono ai termini di questo trattato e un'assemblea costituzionale dichiarò la Norvegia indipendente dalla Danimarca il 17 maggio 1814 ed elesse il principe ereditario Cristiano Federico quale re indipendente di Norvegia. A seguito di una invasione svedese, la Norvegia venne costretta ad accettare l'unione personale tra Svezia e Norvegia, ma ottenne il permesso di mantenere la propria costituzione liberale e istituzioni separate ad eccezione del ministero degli esteri che venne mantenuto a Stoccolma. L'unione venne dissolta nel 1905.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Denmark, World Statesmen. URL consultato il 18 gennaio 2015.
  2. ^ Norway, World Statesmen. URL consultato il 18 gennaio 2015.
  3. ^ Rigsarkivets Samlinger. Arkivalier før 1848. Danske kancelli 1454–1848; Rigsarkivets Samlinger. Arkivalier før 1848. Tyske kancelli.
  4. ^ . Possedimenti della Danimarca-Norvegia nell'anno 1800
  5. ^ Krig og Enevælde: 1648–1746
  6. ^ Kongeloven. Lex Regia