Lippa Ariosti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lippa (Filippa) Ariosti (Bologna, ... – Ferrara, 27 novembre 1347) è stata una nobildonna italiana.

Lippa Ariosti
Stemma degli Ariosti o Ariosto (P. Litta, Famiglie Celebri d'Italia, 1700)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Iacopo Ariosti, nobile bolognese. Conobbe Obizzo III d'Este, marchese di Ferrara, mentre dimorava a Bologna a causa del contrasti con il papa Giovanni XXII e divenne la sua amante. Riconciliatosi col pontefice nel 1329, Obizzo chiese a Lippa di seguirlo a Ferrara.

Casa di Lippa Ariosti, in via del Carbone, 19, a Ferrara

Rimase sempre amante del marchese, che la sposò il 27 novembre 1347,[1] in punto di morte, al fine di legittimare i dieci figli naturali, tutti resi legittimi da una bolla pontificia:[2][3]

La bella Lippa da Bologna fu citata da Ludovico Ariosto nel Canto XIII dell'Orlando Furioso.

Residenze nella città di Ferrara[modifica | modifica wikitesto]

Filippa Ariosti, a Ferrara, ebbe probabilmente due residenze, che occupò in tempi diversi, in via delle Vecchie ed in via del Carbone.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. D'Este, Torino, 1835, ISBN non esistente.
  • Claudio Maria Goldoni, Atlante estense - Mille anni nella storia d'Europa - Gli Estensi a Ferrara, Modena, Reggio, Garfagnana e Massa Carrara, Modena, Edizioni Artestampa, 2011, ISBN 978-88-6462-005-3.
  • Antonio Cappelli, Lettere di Lodovico Ariosto tratte degli autografi dell'archivio Palatino, Modena, 1862.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa di Lippa Ariosti in via delle Vecchie, su museoferrara.it, MuseoFerrara. URL consultato il 5 giugno 2018.
  • Casa di Lippa Ariosti, su museoferrara.it, MuseoFerrara. URL consultato il 1° novembre2018.
    «Si suppone che questa sia stata una delle dimore in cui abitò la nobile antenata di Ludovico Ariosto, Lippa Ariosti, dopo essersi trasferita dagli alloggi di via del Carbone».