Lippa Ariosti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lippa (Filippa) Ariosti (Bologna, ... – Ferrara, 27 novembre 1347) è stata una nobildonna italiana.

Lippa Ariosti
Stemma degli Ariosti o Ariosto (P. Litta, Famiglie Celebri d'Italia, 1700)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Iacopo Ariosti, nobile bolognese. Conobbe Obizzo III d'Este, marchese di Ferrara, mentre dimorava a Bologna a causa del contrasti con il papa Giovanni XXII e divenne la sua amante. Riconciliatosi col pontefice nel 1329, Obizzo chiese a Lippa di seguirlo a Ferrara.

Casa di Lippa Ariosti, in via del Carbone, 19, a Ferrara

Rimase sempre amante del marchese, che la sposò il 27 novembre 1347,[1] in punto di morte, al fine di legittimare i dieci figli naturali, tutti resi legittimi da una bolla pontificia:[2][3]

La bella Lippa da Bologna fu citata da Ludovico Ariosto nel Canto XIII dell'Orlando Furioso.

Residenze nella città di Ferrara[modifica | modifica wikitesto]

Filippa Ariosti, a Ferrara, ebbe probabilmente due residenze, che occupò in tempi diversi, in via delle Vecchie ed in via del Carbone.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. D'Este, Torino, 1835, ISBN non esistente.
  • Claudio Maria Goldoni, Atlante estense - Mille anni nella storia d'Europa - Gli Estensi a Ferrara, Modena, Reggio, Garfagnana e Massa Carrara, Modena, Edizioni Artestampa, 2011, ISBN 978-88-6462-005-3.
  • Antonio Cappelli, Lettere di Lodovico Ariosto tratte degli autografi dell'archivio Palatino, Modena, 1862.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa di Lippa Ariosti in via delle Vecchie, su museoferrara.it, MuseoFerrara. URL consultato il 5 giugno 2018.
  • Casa di Lippa Ariosti, su museoferrara.it, MuseoFerrara. URL consultato il 1º novembre2018.
    «Si suppone che questa sia stata una delle dimore in cui abitò la nobile antenata di Ludovico Ariosto, Lippa Ariosti, dopo essersi trasferita dagli alloggi di via del Carbone».