Laverne Cox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Laverne Cox

Laverne Cox (Mobile, 29 maggio 1972[1]) è un'attrice, modella, personaggio televisivo, produttrice televisiva e attivista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laverne è nata a Mobile (Alabama) ed è principalmente conosciuta per il suo ruolo nella serie televisiva Orange Is the New Black, dove interpreta la carcerata Sophia Burset, grazie a cui è entrata nella storia come la prima persona transgender ad essere candidata per un premio Emmy in un ruolo d'attrice e ad apparire sulla copertina della rivista TIME. È stata inoltre la prima persona transgender a ricevere nel 2015 una statua di cera al museo Madame Tussauds.

Ha un fratello gemello di nome M. Lamar, che ha interpretato Sophia Burset (nelle due puntate prima della sua transizione sessuale da uomo a donna) nella serie televisiva Orange Is the New Black.[2]

Nel 2014 appare nel quarto episodio della seconda stagione della serie TV Faking It - Più che amiche, in cui interpreta Margot.

Nel 2016 riceve il ruolo di attrice protagonista nel remake The Rocky Horror Picture Show: Let's Do the Time Warp Again , interpretando il Dr. Frank-N-Furter.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Laverne Cox è stata doppiata da

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Trans Actress-Activist Laverne Cox Talks 'OITNB,' Dream Roles and Starting a Casting Revolution on Stage and Screen, su Playbill, Sun Jun 15 02:01:00 EDT 2014. URL consultato il 9 febbraio 2019.
  2. ^ (EN) Shannon Walsh, M. Lamar, Laverne Cox’s Identical Twin Brother: The Photos You Need to See, in Heavy.com, 27 ottobre 2016. URL consultato il 21 novembre 2016.
    «Cox's brother, who goes by M. Lamar, played his sister's character on OITNB before transitioning.».

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316800264 · ISNI (EN0000 0004 5118 6247 · LCCN (ENno2015098489 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015098489