Lanfranco Colombo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lanfranco Colombo, Mario De Biasi, Augusto De Luca (da sinistra a destra) alla mostra di De Luca - galleria "Il Diaframma" di Milano (30 novembre 1987).

Lanfranco Colombo (Milano, 1924Genova, 7 aprile 2015) è stato un fotografo, gallerista e sciatore nautico italiano, fra i massimi esponenti della storia e della diffusione della fotografia italiana.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un imprenditore, nacque a Milano nel 1924, imprenditore metallurgico di successo[2], aprì nel 1967 la sua galleria; visse poi a Genova in seguito al matrimonio con la fotografa Giuliana Traverso.[1]

Il Fotografo[modifica | modifica wikitesto]

Scatta la sua prima fotografia in bianco e nero a 12 anni, nel 1936, seguita poi da molti e molti altri scatti. Nel 1966 durante l'incontro di Gens d'Images ha l'idea di aprire una galleria, affiancandola ad un mensile culturale "Popular Photography Italiana", poi diventata "Fotografia Italiana - il Diaframma". Fu fotografo (oltre che editore e direttore) della rivista "Scinautico".[3]

La Galleria "Il Diaframma"[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1966 Lanfranco Colombo fonda la galleria "Il Diaframma" a Milano in zona Brera, su suggerimento di Cartier Bresson, che lo sfidò a copiare il modello di Porquerolles. La galleria, la prima in Europa dedicata alle sole mostre di fotografia, ospitò all'inaugurazione nel 1967, la mostra del fotografo italiano Paolo Monti. Negli anni successivi fu frequentata da nomi importanti della cultura italiana quali Confalonieri, Gillo, Dino Buzzati, Sciascia, Montale, e dai più importanti fotografi del mondo, molti dei quali esposero con personali e collettive. Il lavoro della galleria viene affiancato dalla rivista fotografica "Popular Photography Italiana", che in seguito diventerà Il Diaframma - fotografia italiana, ed infine "il Diaframma"; nuova come impostazione rispetto alle riviste dell'epoca, diventa un punto di riferimento per gli amanti della fotografia e dell'immagine in generale.

Nel 1996, ovvero dopo trent'anni di attività, la galleria chiuderà.

A riconoscimento del suo interesse, della sua conoscenza e del suo lavoro per la divulgazione della fotografia, Lanfranco Colombo ha ricevuto dalla Federazione italiana associazioni fotografiche le onorificenze di Benemerito (BFI), Maestro (MFI) ed è l'unico ad oggi ad essere Socio Onorario Fiaf.[4]

Le mostre de Il Diaframma[modifica | modifica wikitesto]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Avvicinatosi allo sci nautico negli anni cinquanta, ne è stato un ottimo atleta. È conosciuto anche per essere stato il fondatore della Federazione Italiana Sci Nautico. Per le sue conoscenze e capacità organizzative è stato nominato Segretario dell'Unione Mondiale Sci Nautico (l'International Water Ski Federation).

Mostre di Lanfranco Colombo[modifica | modifica wikitesto]

Fondo Colombo[modifica | modifica wikitesto]

Donato alla Regione Lombardia, e custodito presso il Museo di fotografia contemporanea di Cinisello Balsamo, il corposo "Fondo Colombo" oltre a libri e documenti conta 37.000 stampe fotografiche che abbraccia l'attività del Diaframma dagli «anni venti alla metà degli anni novanta del Novecento». Le sole foto dimostrano la frenetica attività, nel corso degli anni, della più famosa galleria fotografica italiana, che ospitò i più importanti fotografi del panorama internazionale come David Bailey, Édouard Boubat, Elliott Erwitt, Leonard Freed, Joan Fontcuberta, Mary Ellen Mark, Aleksandr Rodcenko e Otto Steinert; e nazionale come Aldo Ballo, Letizia Battaglia, Manfredi Bellati, Gianni Berengo Gardin, Carla Cerati, Cesare Colombo, Mario De Biasi, Mario Dondero, Franco Fontana, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Mimmo Jodice, Giorgio Lotti, Elio Luxardo, Pepi Merisio, Nino Migliori, Paolo Monti, Maria Mulas, Fulvio Roiter, Ferdinando Scianna, Tazio Secchiaroli e Oliviero Toscani[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stefano Bigazzi, Addio a Lanfranco Colombo, gran signore della fotografia, in Repubblica, 7 aprile 2015. URL consultato il 24 luglio 2015.
  2. ^ nome Lanfranco cognome Colombo, titolo Fotogrammi di una vita, città Torino, editore Allemandi & C., anno 2012.
  3. ^ nome Lanfranco cognome Colombo, titolo Fotogrammi di una vita, città Torino, editore Allemandi & C., anno 2012.
  4. ^ Renato Longo, Il paladino Lanfranco Colombo, in Fotoit, 06/15, Arezzo, Fiaf, giugno 2015.
  5. ^ Sito della Collezione Peggy Guggenheim
  6. ^ Sito: Sestri Levanti. net
  7. ^ Fondo Lanfranco Colombo nel sito del MuFoCo, mufoco.org. URL consultato il 23 aprile 2016.

Bibliografia su Colombo[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia su Il Diaframma[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito personale, lanfrancocolombo.it. URL consultato il 24 luglio 2015.
  • Ex Oriente, su Archivio Fotografico Italiano. URL consultato il 24 luglio 2015.
Controllo di autorità VIAF: (EN18508431 · LCCN: (ENn79127053 · SBN: IT\ICCU\CFIV\103802 · GND: (DE143897950