Luigi Ghirri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Ghirri nel 1984

Luigi Ghirri (Scandiano, 5 gennaio 1943Reggio nell'Emilia, 14 febbraio 1992) è stato un fotografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a fotografare nel 1970 confrontandosi con artisti concettuali e ricercando segni nei paesaggi naturali e segni artificiali nell'opera umana e nel paesaggio stesso (manifesti, insegne ma anche cartine geografiche). Dal 1980, sollecitato da Vittorio Savi, si confronta con la fotografia di architettura nel territorio. In particolare fotograferà per lo stesso Savi, per Aldo Rossi, Paolo Zermani. Negli stessi anni stringerà amicizia con lo scrittore Gianni Celati. I suoi paesaggi sono sospesi, non realistici, per certi versi metafisici, spesso privi di figure umane ma mai privi dell'intervento dell'uomo sul paesaggio. Le sue foto sono generalmente a colori. L'uso di colori delicati e non saturi è fondamentale nella sua poetica e nasce dalla stretta collaborazione con il suo stampatore Arrigo Ghi.

Di notevole spessore gli scatti dello studio bolognese di via Fondazza del pittore Giorgio Morandi.

Autore di copertine di numerosi album per la RCA sia di musica classica che di artisti italiani come Lucio Dalla, Gianni Morandi, Luca Carboni, CCCP Fedeli alla linea (Epica Etica Etnica Pathos), Stadio, Ciao Fellini, Robert & Cara e altri.

È morto d'infarto a 49 anni.

Elisabetta Sgarbi ha presentato al Festival di Venezia del 2009 un film sul fotografo di Scandiano intitolato Deserto Rosa.

Strumenti[modifica | modifica wikitesto]

Le macchine fotografiche[modifica | modifica wikitesto]

  • 1967-1968: Voigtlander Bessamatic 24x36mm a telemetro con ottica fissa 50mm.
  • 1969-1972: Olympus Pen (24x18mm) e la prima fotocamera reflex.
  • 1977-1978: Canon AE-1
  • 1979 in poi: Vari modelli di Polaroid, 100, SX-70, 600 e Image.
  • 1980: È invitato dalla Polaroid Intl. ad Amsterdam per utilizzare una fotocamera sperimentale di formato 20x24" e 8x10".
  • anni ottanta: Pentax 645 (6x4.5 cm) e Pentax 67 (6x7cm).
  • Fine anni '80: Mamiya RB 67

Le ottiche[modifica | modifica wikitesto]

Lavorava soprattutto con obiettivi a focale intermedia e a volte usava grandangolo e teleobiettivo.

I negativi[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Ghirri ha utilizzato negativi e diapositive dei formati: 24x36mm, 3.5x5cm, 4.5x6cm, 5.5x5.5 cm, 5x6cm, 6x6cm, 6x7cm, 6x8cm, 6x9cm.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo (1971-1972)
  • Week End - Atlante (1973)
  • Km. 0,250 (1973)
  • Infinito (1974)
  • Paesaggi di cartone (1971-1974)
  • Colazione sull'erba (1972-1974)
  • Kodachrome (1970-1978)
  • In scala (1977-1978)
  • Vedute (1970-1979)
  • Italia ailati (1971-1979)
  • Il paese dei balocchi (1972-1979)
  • Identikit (1976 -1979)
  • Diaframma 11, 1/125, luce naturale (1979)
  • Geografia immaginaria (1979-1980)
  • Snapshot (1980)
  • Still life (1978-1981)
  • Polaroid (1980-1981)
  • Topografia-Iconografia (1980-1981)
  • Tra albe e tramonti (1982-1983)
  • Il lavoro degli artigiani (1984)
  • Esplorazioni sulla via Emilia - Vedute nel paesaggio (1985)
  • Versailles (1985)
  • Terme dell'Emilia-Romagna (1987)
  • Il Palazzo dell'Arte (1980-1988)
  • Un piede nell'Eden (1984-1988)
  • Le case (1976-1989)
  • Paesaggio italiano (1980-1989)
  • Il profilo delle nuvole (1980-1989)
  • Vedute di città (1976-1990)
  • I luoghi teatrali (1983-1990)
  • Le architetture (1982-1992)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Vaccari, Luigi Ghirri, Fotografie 1970-1971, Tipografia Samar, 1972;
  • Luigi Ghirri, Kodachrome, Punto e virgola, 1978;
  • Luigi Ghirri, Kodachrome, Contrejour, 1978;
  • Luigi Ghirri, Luigi Ghirri, Feltrinelli, 1979;
  • Luigi Ghirri, Notte e dì, Il Quadrante, 1984;
  • Luigi Ghirri, Viaggio in Italia, Il Quadrante, 1984;
  • Luigi Ghirri, Emilia-Romagna, 2 voll, Touring Club Italiano, 1985;
  • Luigi Ghirri, La ragione della natura, Essegi, 1986;
  • Luigi Ghirri, Esplorazioni sulla via Emilia, Feltrinelli, 1986
  • Luigi Ghirri, Jacques-Henry Lartigue. Catalogo della mostra, Essegi, 1986;
  • Luigi Ghirri, Il museo diffuso. Beni culturali e didattica a Cesena. Catalogo della mostra (Cesena, 1987), Mazzotta, 1987;
  • Luigi Ghirri, Giardini in Europa, Essegi, 1988;
  • Luigi Ghirri, Paesaggio italiano, Electa, 1989;
  • Luigi Ghirri, Il profilo delle nuvole, Feltrinelli, 1989; (tiratura di 3.000 copie in brossura + 1.600 copie numerate, cartonate e con sovraccoperta in cofanetto, destinate allo sponsor);
  • Luigi Ghirri, Capri, Nuova Eri, 1991;
  • Luigi Ghirri, Gianfranco Manfredi, I luoghi della musica, Federico Motta Editore, 1994;
  • Luigi Ghirri, Il profilo delle nuvole, Feltrinelli, e.f.c., Prima ristampa, 1996;
  • Luigi Ghirri, Niente di antico sotto il sole, SEI, 1997;
  • Luigi Ghirri, Arturo C. Quintavalle, Spaesamenti 1970-2000. Ediz. italiana e inglese, Leonardo Arte, 2000;
  • Luigi Ghirri, Vittorio Savi, Luigi Ghirri. Atlante. Catalogo della mostra (Bolzano, 28 gennaio-11 marzo 2000; Rubiera, 6 maggio-11 giugno 2000). Ediz. italiana e inglese, Charta, 2000;
  • Luigi Ghirri, Il profilo delle nuvole, Feltrinelli, e.f.c., Seconda ristampa, 2001;
  • Luigi Ghirri, Un piede nell'Eden, Meltemi, 2001;
  • Luigi Ghirri, Luigi Ghirri, Federico Motta Editore, 2001;
  • Luigi Ghirri, Infinito, Meltemi, 2001;
  • Luigi Ghirri, Atelier Morandi, Palomar di Alternative, 2002;
  • Luigi Ghirri, Bello qui, non è vero?, Contrasto, 2008;
  • Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia, Quodlibet, 2010.

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Il profilo delle nuvole

06/10/97 – 23/10/97 Los Angeles c/o Istituto Italiano di Cultura; 13/12/97 – 31/01/98 Legnago c/o Museo Fioroni; 15/02/98 – 26/02/98 Houston c/o Fotofest 98; 05/03/98 – 04/04/98 New York c/o Istituto Italiano di Cultura; 16/06/98 – 19/07/98 Reggio Emilia c/o Palazzo Magnani; 17/09/98 – 01/10/98 S. Francisco c/o Istituto Italiano di Cultura; 14/11/98 – 13/12/98 Pisa c/o Palazzo Lanfranchi; 18/12/98 – 17/01/99 Bologna c/o ex chiesa di San Mattia; 26/02/99 – 17/04/99 Rochester c/o Visual Studies Workshop; 30/04/99 – 16/05/99 Lecco c/o Scuderie Manzoni; 30/07/99 – 27/08/99 Londra c/o Istituto Italiano di Cultura; 05/10/99 – 22/10/99 Edimburgo c/o Edinburgh College of Art; 15/02/00 – 31/03/00 Salisburgo c/o Literaturhaus Salzburg; 14/06/00 – 31/08/00 Madrid c/o Museo Nacional de Ciencias Naturales; 06/10/00 – 26/11/00 Passau c/o Verlagsgruppe Passau GmbH; 14/12/00 – 04/02/01 Milano c/o Fondazione delle Stelline; 22/09/01 – 04/11/01 Cesano Maderno c/o Biblioteca Comunale; 18/10/01 – 18/11/01 Bologna c/o ex chiesa di San Mattia; 17/02/02 – 07/04/02 Caltagirone c/o Galleria “Luigi Ghirri”; 15/09/02 – 13/10/02 Gualtieri c/o Palazzo Bentivoglio; 15/05/03 – 05/06/03 Salisburgo c/o Höribacherhof am Mondsee; 20/04/04 – 20/05/04 Mosca c/o Moscow House of Photography; 10/11/04 – 15/12/04 Finale Emilia c/o Osteria La Fefa; 02/04/05 – 15/05/05 Ferrara c/o Castello Estense - Sala Imbarcadero; 08/11/05 – 08/12/05 Santa Cruz de Tenerife c/o Fotonoviembre 2005; 19/05/06 – 19/06/06 Brescia c/o Palazzo Bailo; 06/07/06 – 08/10/06 Verona c/o Scavi Scaligeri; 22/09/06 – 31/12/07 Milano c/o Unicredit Private Banking; 10/10/13 – 14/10/13 Verona c/o Fiera di Verona padiglione 11.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29534445 · SBN: IT\ICCU\CFIV\006090 · ISNI: (EN0000 0000 8214 1712 · BNF: (FRcb119048032 (data) · ULAN: (EN500110354