Ken Adam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sir Kenneth Adam, nome d'arte di Klaus Hugo Adam (Berlino, 5 febbraio 1921Londra, 10 marzo 2016[1]), è stato uno scenografo britannico.

Ha vinto due Oscar alla migliore scenografia: nel 1976 per Barry Lyndon e nel 1995 per La pazzia di re Giorgio. Inoltre, ha vinto due BAFTA alla migliore scenografia: nel 1964 per Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba e nel 1965 per Ipcress. Ha progettato i set che hanno caratterizzato svariati 007, tra cui: Licenza di uccidere (1962), Thunderball: Operazione tuono (1965), Si vive solo due volte (1967) e La spia che mi amava (1977).

Nel 2003 ha ricevuto il Ciak di Corallo, premio alla carriera dell'Ischia Film Festival. Da allora è stato presidente onorario del festival.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini ebree, nel 1934 la famiglia fugge dalla Germania nazista e ripara in Gran Bretagna. Il fratello di Ken Adam, diviene un membro dei servizi segreti britannici e viene così naturalizzato inglese, mentre Ken, arruolato nella RAF, rimane cittadino tedesco[2].

È l'unico tedesco ad aver servito come pilota della Royal Air Force durante la Seconda guerra mondiale. Come sergente pilota nel 609º (West Riding) Squadron Royal Auxiliary Air Force, ha volato sugli Hawker Typhoon sopra la Francia settentrionale nelle missioni di scorta ai bombardieri e ha partecipato alla Battaglia di Normandia, soprattutto durante i bombardamenti della Sacca di Falaise, rischiando, oltre tutto, il plotone di esecuzione se catturato e identificato, in quanto considerato un traditore dai tedeschi.[3]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Scenografo[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BBC, Sir Ken Adam, James Bond production designer, dies aged 95, bbc.com. URL consultato il 10 marzo 2016.
  2. ^ Speciali del DVD del film La spia che mi amava
  3. ^ (EN) Neil Tweedie, Britain's secret German army, in The Telegraph, 25 aprile 2009. URL consultato l'11 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN820238 · LCCN: (ENn85342769 · ISNI: (EN0000 0000 8161 1065 · GND: (DE119368889 · BNF: (FRcb14607614s (data) · ULAN: (EN500244460