Inside the Making of Dr. Strangelove

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Inside the Making of Dr. Strangelove
Inside Dr Strangelove.jpg
Titolo originaleInside the Making of Dr. Strangelove
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2000
Durata45 min
Rapporto4:3
Generedocumentario
RegiaDavid Naylor
SceneggiaturaLee Pfeiffer
ProduttoreDavid Naylor e Lee Pfeiffer
Produttore esecutivoNancy Naylor
MontaggioAlexander Pietrzak e Edward Yost
MusicheMladen Milicevic
Interpreti e personaggi

Inside the Making of Dr. Strangelove è un film documentario divulgativo su un classico del cinema moderno, Il dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba. I protagonisti del film, ovvero alcuni degli attori e il cast che ha lavorato dietro le quinte, raccontano la genesi di questo capolavoro di Stanley Kubrick.

Il merito di questo documentario di soli 45 minuti è quello di apportare molte informazioni utili ad una fruizione consapevole del film.

Il documentario è stato pubblicato per la prima volta nel DVD del film Edizione Speciale per il 40º Anniversario dalla Columbia TriStar Home Entertainment.

Situazione politica[modifica | modifica wikitesto]

Il film viene prodotto nel 1963, in piena guerra fredda: il periodo è denso di avvenimenti drammatici dalla costruzione del muro di Berlino alla crisi dei missili di Cuba, per non parlare della guerra del Vietnam. Il mondo non è mai stato così vicino alla Terza Guerra Mondiale, la prima guerra atomica.

Kubrick è molto attratto e insieme impressionato dall'ipotesi nucleare già dalla fine degli anni cinquanta e subito dopo la fine delle riprese del film Lolita la guerra atomica e l'annullamento del genere umano diventano un'ossessione.

(enJames B. Harris)

«...when we finished Lolita this was all that he had in mind, the possibility of a nuclear olhocaust»

(IT)

«...quando finimmo Lolita, questo era il suo unico pensiero, la possibilità di un olocausto nucleare»

(enAlexander Walker)

«He had been very disturbed by the Cuba missiles crisis, not simply the prospect of nuclear annullation...but also by the way the people accepted it fatalisticly...»

(IT)

«Fu molto disturbato dalla crisi dei missili a Cuba non solo dalla prospettiva dell'annientamento nucleare...ma dal modo in cui la gente accettava la cosa in modo fatalistico»

Il film[modifica | modifica wikitesto]

Genesi ed evoluzione del film[modifica | modifica wikitesto]

L'interesse di Kubrick per l'olocausto nucleare lo portò a documentarsi seriamente sull'argomento, leggendo molti libri tra cui On Thermonuclear War di Herman Kahn, finché non lesse il romanzo Red Alert di Peter George. Con l'intenzione di trarne un film, pagò all'autore 3500 dollari per ottenerne i diritti cinematografici. Il libro racconta di un generale americano che inizia una guerra atomica non autorizzata: del libro nel film rimarrà solo il soggetto.

Mentre Kubrick e Harris elaboravano la sceneggiatura come un dramma dal titolo temporaneo "Edge of doom", nella mente del regista si faceva spazio la geniale intuizione di modellare il film come una commedia nera. L'argomento era così terribile, gli effetti così incredibili che una commedia era l'unico modo per raccontare la storia, anche in considerazione dei molti elementi grotteschi. Harris abbandona il progetto per diventare lui stesso regista[1].

(enStanley Kubrick in Check-up with Dr. Strangelove by Terry Southern)

«The present nuclear situation is so totally new and unique that it is beyond the realm of current semantics; in its actual implications, and its infinite horror, it cannot be clearly or satisfactorily expressed by any ordinary scheme of aesthetics. What we do know is that its one salient and undeniable characteristic is that of the absurd.»

(IT)

«L'attuale situazione è talmente nuova e unica da essere al di là dell'attuale semantica; non può essere descritta, nelle reali implicazioni e nel suo infinito orrore, da nessuno schema estetico ordinario. Quello che sappiamo è che sua caratteristica saliente e innegabile è l'assurdità»

Il titolo temporaneo divenne allora "The delicate balance of terror": l'apertura del film avrebbe dovuto mostrare degli extraterrestri guardare allibiti l'autodistruzione del genere umano.

Kubrick contattò a questo punto Terry Southern[2] perché si era reso conto che un'ulteriore evoluzione dell'idea del film doveva necessariamente passare per la collaborazione di uno scrittore dall'umorismo perverso. Southern lavorò con Kubrick alla stesura della sceneggiatura per due mesi di febbrile lavoro. "Purità dell'essenza" e lo stesso titolo "Dr Strangelove" sono frutto della fantasia di Southern a cui Kubrick chiedeva cosa potessero dire di quando in quando i personaggi in modo da risultare esilaranti eppure credibili.

(enAlexander Walker)

«With the help of Terry Southern, he costructed, I think, the most perfectly written comic screenplay of post-war cinema»

(IT)

«Con l'aiuto di Terry Souther, Kubrick ha costruito, penso, la sceneggiatura comica meglio scritta del cinema del dopo-guerra»

Il set[modifica | modifica wikitesto]

Soddisfatto della sceneggiatura, Kubrick rivolse la propria attenzione allora alla creazione del set e in particolare al disegno della war room e degli interni del bombardiere B-52 ad opera di Ken Adam.

La war room è entrata nell'immaginario collettivo come luogo realmente esistente dove i massimi esponenti del governo e delle forze militari prendono importanti decisioni.

(enKen Adam)

«Reagan when was elected President of United States asked his chief of staff to look at the war room in the White House and the chief of staff said "Mr. President, there's no such thing of the war room in the White House" and Reagan said "But I saw it in that film... Dr Strangelove»

(IT)

«Reagan quando fu eletto Presidente degli USA chiese al capo di gabinetto di vedere la war room della Casa Bianca[3] e il capo di gabinetto disse "Signor Presidente, non c'è una cosa del genere" e Reagan disse "Ma l'ho vista in quel film... il dottor Stranamore"»

Kubrick, perché gli attori si immedesimassero nella parte, chiese ed ottenne che la superficie del tavolo fosse verde come un tavolo da gioco: la cosa ovviamente non si può notare nel film, girato in b/n.

La cabina del B-52 è un altro set fondamentale del film: il Pentagono aveva negato il proprio supporto alla produzione del film, la realizzazione si basò su una sola foto sulla copertina del libro "Strategic air command" e sull'esperienza di Ken Adam come pilota di guerra: alacre fu il lavoro di Peter Murton sulla miriade di interruttori e spie di segnalazione all'interno della cabina. Il risultato fu talmente realistico da far sospettare i militari di atti di spionaggio: Kubrick, preoccupato da possibili azioni legali, chiese conferma delle fonti a Ken Adam.

Il B-52 che si vede volare nel film è un modellino: il panorama che sorvola è stato ripreso da una troupe inviata nel circolo polare artico; la troupe, di cui facevano parte Gilbert Taylor e sua moglie Dee, sfidò il freddo intenso per tre settimane e scoprì una base segreta americana.

Il film fu girato presso gli Shepperton Studios, vicino Londra.

Il cast[modifica | modifica wikitesto]

Quando gli aspetti tecnici del film erano a buon punto, Kubrick contattò gli attori. Di seguito gli aneddoti raccontati nel documentario.

Peter Sellers[modifica | modifica wikitesto]

Fu molto facile per Kubrick convincere Peter Sellers a lavorare nel film. Sellers aveva già lavorato con Kubrick in Lolita e l'opportunità di interpretare più parti era un interessante stimolo. Buona parte dell'interpretazione di Sellers nei suoi personaggi non era stata scritta nella sceneggiatura: Sellers e Kubrick lavoravano sui personaggi e Sellers aggiungeva le sue improvvisazioni.

  • il capitano Lionel Mandrake, il leale ufficiale britannico, è la parte più facile: Sellers, durante il servizio militare, aveva l'abitudine di imitare un suo ufficiale.
  • il presidente Merkin Muffley richiede da parte di Kubrick una correzione nell'interpretazione di Sellers: questi aveva accentuato troppo la caricatura del personaggio, usando un inalatore per asmatici e facendo letteralmente morire dal ridere tutto il cast. Il personaggio invece nelle intenzioni di Kubrick era l'unico che si rendeva veramente conto della situazione, Sellers avrebbe dovuto interpretarlo con più serietà.
(enpresidente Muffley)

«I will not go down in history as the greatest mass murderer since Adolph Hitler!»

(IT)

«Io non voglio passare alla storia come il maggiore assassino di massa dopo Hitler!»

Questo non impedirà a Sellers di improvvisare la prima telefonata al premier russo dopo aver letto solo le prime righe della sceneggiatura.

  • il dottor Stranamore è il personaggio in cui Sellers può dar libero sfogo alle improvvisazioni. Il guanto nero che il Dr Stranamore calza alla mano destra era di Kubrick, Sellers lo prese in prestito per una felice intuizione.

Slim Pickens[modifica | modifica wikitesto]

Kubrick vorrebbe che Sellers interpretasse anche il maggiore T.J."King" Kong[4], pilota del B-52, nonostante Sellers ritenga eccessivo un quarto personaggio. Il destino vuole che Sellers cadendo sul set si fratturi una gamba e diventi per lui impossibile infilarsi nella cabina dell'aereo; Kubrick è costretto a cedere la parte ad un altro attore che fosse nella vita come doveva apparire il maggiore Kong nel film: la scelta cadde su Slim Pickens che Kubrick aveva conosciuto sul set di One eyed Jacks.

(enNiele Southern)

«Stanley says that you can't replace Sellers with an actor, you've got to replace with something like a real human being, that is a real thing»

(IT)

«Stanley disse che non è possibile rimpiazzare Sellers con un altro attore, bisogna rimpiazzarlo con qualcosa tipo un vero essere umano che è così davvero»

George C. Scott[modifica | modifica wikitesto]

Il generale "Buck" Turgidson doveva essere interpretato da un attore che reggesse la scena e il confronto con Sellers: Kubrick scelse George C. Scott vedendolo in una rappresentazione teatrale.[5] Kubrick si guadagna il rispetto di Scott giocando con lui a scacchi durante le riprese del film. Scott interpreta uno dei suoi primi ruoli comici.

(enTurgidson)

«Mr. President, I'm not saying we wouldn't get our hair mussed. But I do say... no more than ten to twenty million killed, tops. Uh... depended on the breaks.»

(IT)

«Signor Presidente, io non dico che non ci costerà proprio niente. Però io dico non più di 10-20 milioni di morti. Massimo, ah... questione di fortuna»

Gli attori di supporto[modifica | modifica wikitesto]

  • Kubrick convince Sterling Hayden, ritiratosi da tempo[6], a interpretare il generale Jack D. Ripper;
  • Tracy Reed interpreta Miss Scott, l'unica donna del film. Nella cabina del B-52, poco prima che l'ordine di iniziare l'attacco atomico venga diramato, uno dei bombardieri ammira su Playboy le grazie di una donna nuda stesa in terra, coperta solo di un libro sulle natiche. La ragazza nella foto è sempre Tracy Reed.
  • James Earl Jones in teatro era al fianco[7] di Scott, per Kubrick diventa il tenente Lothar Zogg, bombardiere, nella sua prima apparizione cinematografica[8].
  • Shane Rimmer interpreta Capt. G.A. Ace Owens, è uno dei suoi primi film
  • Gordon Tanner interpreta il rude generale Faceman

La causa contro "A prova di errore"[modifica | modifica wikitesto]

Durante le riprese del film, Kubrick viene informato che è in lavorazione il film A prova di errore (Fail Safe), il cui soggetto è simile a quello del Dr. Stranamore, sebbene gli sviluppi siano diversi: il Dr. Stranamore è una commedia nera, A prova di errore è diretto da Sidney Lumet (che appare nel documentario) come un thriller ultra-realistico.

Kubrick è preoccupato comunque che due soggetti simili possano avere influenze negative sul risultato al botteghino; "A prova di errore" è inoltre un film prestigioso con un ottimo cast tra cui Henry Fonda e Walter Matthau.

Sarà determinante l'ordine di uscita nelle sale dei due film. Kubrick intenta una causa contro i produttori di "A prova di errore" in quanto basato sul romanzo omonimo del 1962 di Eugene Burdick, accusato di aver plagiato "Red Alert" del 1958 di Peter George. La stragegia ha successo: Fail Safe, sebbene acclamato dalla critica, arriverà nelle sale dopo il Dr Stranamore e non riscuoterà lo stesso successo[9].

La sequenza di apertura[modifica | modifica wikitesto]

I titoli di apertura del film sono stati creati da Pablo Ferro che ha anche concepito l'intera sequenza: quella sorta di fornicazione dei due aerei, la scelta della musica, il montaggio e ovviamente i titoli e la loro sovrapposizione alle immagini.

(enPablo Ferro)

«He asked me "what do you think about human beings?" and I say "Well, one thing about humans is that anything they invent is very sexual" and we looked at each other "yeah, B-52 refuelling!" "Of course" he said»

(IT)

«Mi chiese "che ne pensi degli esseri umani?" gli risposi "Una cosa a proposito degli umani è che ogni cosa inventano è molto sensuale" e ci guardammo a vicenda "sì, il rifornimento dei B-52!" "Ma certo!" disse»

Le scritte autografe di Ferro sarebbero dovute esser rifatte da un assistente dopo l'approvazione ma a Kubrick piacevano così com'erano; Kubrick, mesi dopo l'uscita del film, chiamò Ferro per dirgli che c'era un errore: invece di "based on the book" (basato sul libro), aveva scritto "base on the book".

Da notare che i titoli del documentario stesso e le didascalie che accompagnano le interviste sono a cura di Ferro.

Il finale[modifica | modifica wikitesto]

Il ben noto finale del film non è quello originariamente concepito da Kubrick: una guerra di torte in faccia avrebbe dovuto essere il ridicolo controaltare delle drammatiche esplosioni nucleari. La scena delle torte in faccia venne girata ma apparve subito evidente che non era possibile montarla nel film in quanto tutti i partecipanti, invece di assumere un'espressione di odio, erano evidentemente divertiti.

Gli arrangiamenti[modifica | modifica wikitesto]

Laurie Johnson ricorda nel documentario il crescente incalzare del commento musicale ogni volta che l'occhio della telecamera inquadra il B-52 e il suo equipaggio. Il motivo ha la non comune caratteristica di essere condiviso da tre ballate classiche, Johnny I Hardly Knew Ye, una canzone irlandese contro la guerra, When Johnny Comes Marching Home, una canzone patriottica americana (confederata) e The Animals Went in Two by Two.

L'uscita del film[modifica | modifica wikitesto]

Il trailer venne ideato e diretto da Pablo Ferro, originalissimo per l'impiego del montaggio. La campagna pubblicitaria si basava inoltre sui poster differenziati tre le grandi città (cartelloni minimalisti) e l'interno del paese (cartelloni fotografici che descrivevano il contenuto e i personaggi del film).

L'uscita nelle sale del film era prevista per il 22 novembre 1963 giorno dell'assassinio di John Fitzgerald Kennedy a Dallas[10]: per ovvi motivi di sensibilità ed opportunità la presentazione venne posticipata al 30 gennaio 1964.

Il film fu un grande successo al botteghino e subito osannato dalla critica:[11] Il dottor Stranamore è stato elencato al 23º posto nella classifica dell'American Film Institute "100 anni, 100 film", nonché al 3º posto della classifica "100 anni, 100 risate".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harries sarà il regista di "The Bedford Incident" (1965), vedi scheda del film.
  2. ^ Terry Southern era da poco balzato alla luce della ribalta con il suo romanzo Candy per la sua visione umoristica della sessualità moderna
  3. ^ nel film si lascia intuire che la war room non è alla Casa Bianca ma al Pentagono: l'immagine immediatamente precedente la prima inquadratura della war room è infatti la foto dall'alto del Pentagono
  4. ^ visto che il maggiore dovrebbe avere uno spiccato accento texano, per aiutare Sellers nell'acquisire un accento texano, Therry Southern gli fornirà delle audiocassette in cui lui stesso imita la parlata del Texas
  5. ^ Scott interpretava Shylock nel Mercante di Venezia di Shakespeare
  6. ^ l'ultimo film di Sterling Hayden era stato Il terrore del Texas (Terror in a Texas Town) (1958) di Joseph H. Lewis
  7. ^ James Earl Jones interpretava il Re del Marocco nel Mercante di Venezia
  8. ^ la scena in cui il tenente Lothar Zogg chiede al maggiore Kong se l'ordine di attacco potesse essere un test di lealtà ha rischiato di non essere montata nel film
  9. ^ Sempre riflettendo l'umore di quei tempi, la Warner Bros distribuì Sette giorni a maggio nello stesso anno. La trama in questo caso raccontava di un colpo di stato militare che cercava di impedire al presidente di firmare un trattato di disarmo nucleare.
  10. ^ Il maggiore Kong, durante il controllo del kit di sopravvivenza, esclama "Un tizio potrebbe passare un bel fine settimana a Dallas", città dove venne ucciso JFK. Dallas venne ridoppiata in Vegas
  11. ^ si tenga conto che la presente voce descrive il making del film: per una critica animata dal contraddittorio delle parti si rimanda alla voce del film Il dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Il Documentario[modifica | modifica wikitesto]

Gli interpreti del documentario[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema