Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kōji Murofushi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kōji Murofushi
Koji Murofushi Daegu 2011.jpg
Murofushi festeggia l'oro di Taegu 2011.
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 187 cm
Peso 89 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Lancio del martello
Record
Martello 84,86 m Record asiatico (2003)
Società Mizuno Track Club
Carriera
Nazionale
1992- Giappone Giappone
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 1
Mondiali 1 1 1
Campionati asiatici 1 3 0
Giochi asiatici 2 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 6 agosto 2012

Kōji Alexander Murofushi (室伏 広治 アレクサンダー Murofushi Kōji Arekusandā?; Numazu, 8 ottobre 1974) è un martellista giapponese, campione olimpico e campione mondiale della specialità.

Sin dal 2001, quando vinse la medaglia d'argento ai Mondiali di Edmonton, è considerato fra i migliori lanciatori in attività.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo palmarès figurano inoltre gli ori nei Campionati asiatici 2002 e nei Giochi asiatici del 1998 e 2002 oltre al bronzo ai campionati del mondo di atletica leggera 2003 svoltisi quell'anno a Parigi. Quello stesso anno raggiunse la distanza di 84,86 metri, risultando il miglior lancio negli ultimi 10 anni, prestazione che gli è valso il 5º posto nella classifica dei migliori lanciatori di martello di tutti i tempi.

Nel 2004 si laurea campione olimpico grazie all'oro conquistato ad Atene in seguito alla squalifica di Adrián Annus.

A seguito della squalifica per doping di Vadzim Dzevjatoŭski e Ivan Cichan, rispettivamente vincitori della medaglia d'argento e di bronzo, si è aggiudicato quest'ultimo metallo alle Olimpiadi di Pechino del 2008; tuttavia il 10 giugno 2010 il Tribunale Arbitrale Sportivo di Losanna ha annullato la decisione, restituendo ai martellisti bielorussi Dzevjatoŭski e Cichan le medaglie d'argento e di bronzo conquistate a Pechino, giudicando non validi i test antidoping che avevano trovato positivi al testosterone i due atleti e a disporre la revoca dei piazzamenti ottenuti. Cichan, dopo un ulteriore controllo dei prelievi fatti ad Atene, nel 2004, è successivamente sospeso per 2 anni, dal 2012 fino ad agosto 2014.

Il 29 agosto 2011 vince il titolo mondiale a Taegu.

Murofushi viene da una famiglia di lanciatori, infatti anche il padre Shigenobu Murofushi partecipò da martellista ai Giochi olimpici e detenne il record giapponese per decenni, dal 1971, fin quando non fu proprio Kōji a migliorare il primato nazionale, mentre la sorella Yuka Murofushi è discobola oltre che lanciatrice di martello. La madre, la rumena Serafina Moritz, fu lanciatrice di giavellotto.

Record nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Seniores[modifica | modifica wikitesto]

  • Lancio del martello: 84,86 m (Rep. Ceca Praga, 29 giugno 2003) Record asiatico

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Misura Note
1994 Giochi asiatici Giappone Hiroshima Lancio del martello Argento Argento 67,48 m
1997 Mondiali Grecia Atene Lancio del martello 10º 74,82 m
1998 Giochi asiatici Thailandia Bangkok Lancio del martello Oro Oro 78,57 m
1999 Universiadi Spagna Palma di Maiorca Lancio del martello 77,14 m
2000 Olimpiadi Australia Sydney Lancio del martello 76,60 m
2001 Mondiali Canada Edmonton Lancio del martello Argento Argento 82,92 m
2002 Giochi asiatici Corea del Sud Pusan Lancio del martello Oro Oro 78,72 m
2003 Mondiali Francia Parigi Lancio del martello Bronzo Bronzo 80,12 m
2004 Olimpiadi Grecia Atene Lancio del martello Oro Oro 82,91 m
2007 Mondiali Giappone Osaka Lancio del martello 80,46 m
2008 Olimpiadi Cina Pechino Lancio del martello 80,71 m
2011 Mondiali Corea del Sud Taegu Lancio del martello Oro Oro 81,24 m
2012 Olimpiadi Regno Unito Londra Lancio del martello Bronzo Bronzo 78,71 m
2013 Mondiali Russia Mosca Lancio del martello 78,03 m Miglior prestazione personale stagionale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN252203770 · ISNI (EN0000 0003 7571 0966