Indian Naval Air Arm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Indian Naval Air Arm
भारतीय नौसेना वायु शाखा
Aviazione di Marina indiana
Descrizione generale
Attiva1948 - oggi
NazioneIndia India
Servizioaviazione navale
Parte di
Comandanti
Comandante attualeContrammiraglio Vijay Shankar
Simboli
CoccardaRoundel
SimboloThe IN Fin Flash
dati estratti dal sito milaviapress.com[1]
Voci su unità militari presenti su Wikipedia
Un MiG-29K della Bhāratīya Nāu Senā in volo sulle isole indiane.

L'Indian Naval Air Arm è la componente aerea della Bhāratīya Nāu Senā, la marina militare dell'India. Essa ha il compito di fornire una capacità di attacco basato su portaerei, difesa aerea della flotta, ricognizione marittima e guerra antisommergibile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima stazione aeronavale, la INS Garuda, fu inaugurata a Cochin l'11 maggio 1953. Essa fu formata di pari passo insieme al No.550 Squadron, utilizzando velivoli Short Sealand e Fairey Firefly. Il 1960 vide l'attivazione del No.300 Squadron Tigri Bianche, che si basava sugli aerei appena presi in carico Hawker Sea Hawk. L'anno successivo (1961), la INS Vikrant (già HMS Hercules) fu acquisita dalla Marina indiana. L'air wing iniziale della Vikrant era composto da cacciabombardiere britannici Hawker Sea Hawk e da aerei antisommergibili francesi Alize. Il 18 maggio 1961 il primo jet atterrò a bordo, pilotato dal tenente (più tardi Ammiraglio) RH Tahiliani. Quell'anno, lo Squadron No.310 Cobra (costituito da velivoli Alize) fu attivato. Dopo aver giocato un ruolo importante in diversi importanti azioni militari indiane, in particolare la liberazione di Goa e la guerra tra India e Pakistan del 1971, fu dismessa nel gennaio 1997 e trasformata in una nave museo.

Nel 1976, l'Indian Air Force consegnò dei Super Constellation allo Squadron No.312 Albatross Squadron di Dabolim, a Goa. Essendo dei velivoli abbastanza vecchio già allora, questi furono ritirati dal servizio attivo nel 1983. Per sostituirli nel ruolo pattugliamento marittimo, furono acquisiti degli aerei sovietici Ilyushin Il-38. Infatti lo Squadron nº 315 Stalloni Alati fu attivato nel 1977 e dotato di questi. Nel dicembre 1961, la INS Vikrant partecipò all'"Operazione Vijay", per la liberazione di Goa dal Portogallo. Il suo ruolo fu principalmente quello di scoraggiare l'intervento navale straniero durante le 40 ore della lunga azione militare. Essa svolse un ruolo importante nel riuscito blocco navale del Pakistan orientale. Di stanza al largo delle Isole Andamane e Nicobare scortata dalla fregata classe Leopard INS Brahmaputra, così come INS Beas, la Vikrant ripiegò verso Chittagong allo scoppio delle ostilità. La mattina del 4 dicembre 1971, gli otto aerei Sea Hawk basati sulla Vikrant sferrarono un attacco aereo su Cox's Bazar da 120 km di distanza. Quella sera, il gruppo aereo ha colpì il porto di Chittagong; altri attacchi colpirono Kulna e Mongla. Gli attacchi aerei partiti dalla Vikrant continuarono fino al 10 dicembre 1971. Un'informazione dell'intelligence navale che portò alla luce l'intenzione della marina militare pakistana di rompere il blocco navale indiano utilizzando navi mercantili camuffate, ma i Sea Hawks della Vikrant colpirono la spedizione a Chittagong e nel porto Cox's Bazar, affondando o danneggiando lì la maggior parte delle navi mercantili.

In quel periodo gli elicotteri da addestramento Hughes 269 erano già in servizio per la formazione dei piloti di elicottero.

Il Museo dell'Aviazione Navale situato si trova Bogmalo, a 6 km dal Vasco da Gama, a Goa, dove è in mostra la storia dell'aviazione navale.

Un Sea King assegnato al cacciatorpediniere INS Mumbai.

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing P-8 Poseidon dell'Indian Navy in volo.
Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio (2015)[1] Note Immagine
Aerei da combattimento
Mikoyan-Gurevich MiG-29 Fulcrum Russia Russia cacciabombardiere
conversione operativa
MiG-29K Fulcrum-D
MiG-29KUB Fulcrum-D
33[2]
12[2]
45 aerei (33 MiG-29K + 12 MiG-29KUB) ordinati in due lotti nel 2004 e nel 2010.[2]
An Indian Navy MIG-29K Fulcrum flies over the aircraft carrier USS Nimitz (CVN 68) during Exercise Malabar 2017.jpg
Aerei da pattugliamento marittimo
Boeing P-8 Poseidon Stati Uniti Stati Uniti ASW P-8I Neptune 8[3] 8 consegnati tra il 2013 ed il 2015.[3] Un'opzione per ulteriori 4 esemplari (che porta il totale a 12) è stata esercita dal ministero della difesa il 14 luglio 2015.[4] Gli esemplari indiani, rispetto a quelli dell'US Navy, hanno un diverso ricevitore di anomalie magnetiche (MAD) in coda e il nuovo radar APS-143C(V)3.[3]
Deployment of P-81 to Seychelles for EEZ Surveillance (2).jpg
Ilyushin Il-38SD Sea Dragon Russia Russia ASW Il-38SD Sea Dragon 5[5] Al 2015, risultano tutti riconsegnati i 5 aerei aggiornati in Russia allo standard Il-38SD[5]
ILUSHYIN Il-38 of Indian Navy.JPG
Aerei da trasporto
Dornier Do 228 Germania Germania aereo da trasporto Do 228 25
Indian Navy Dornier 228 SDS-1.jpg
Britten-Norman BN-2 Islander Regno Unito Regno Unito aereo da trasporto BN-2 8
Islander aircraft of INAS 550.JPG
Aerei da addestramento
BAe Hawk Regno Unito Regno Unito aereo da addestramento Hawk Mk.132 8 17
BAE Hawk of Indian Navy.jpg
HAL HJT-36 Sitara India India aereo da addestramento HJT-36 Sitara 12 225 ordinati.
S3466 HAL HJT-36 Sitra (8413512389).jpg
HAL HJT-16 Kiran II India India aereo da addestramento HJT-16 Kiran II 20
HAL HPT-32 Deepak India India aereo da addestramento HPT-32 8
Aeromobili a pilotaggio remoto
IAI Searcher II Israele Israele UAV Searcher Mk.II 18
Pair of IN Searcher UAVs.JPG
IAI Heron Israele Israele UAV Heron 12
Indian navy UAV Heron flies by.JPG
Elicotteri
HAL Dhruv India India elicottero utility Dhruv 8
HAL Dhruv of Indian Navy 1.JPG
Westland Sea King Regno Unito Regno Unito ASW
elicottero da trasporto
Sea King Mk. 42B
Sea King Mk. 42C
22
5
An Indian Navy Seaking at hover.jpg
Sikorsky SH-3H Sea King Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto SH-3H 8
UH 3H helicopter of INAS 350 squadron.jpg
Kamov Ka-25 Hormone Russia Russia ASW Ka-25 7
Kamov Ka - 25 Helicopter.jpg
Kamov Ka-28 Helix Russia Russia ASW Ka-28 Helix-A 14[6] 14 Ka-28 Helix-A in servizio al maggio 2018 che saranno sottoposti ad un programma di aggiornamento.[6]
INS Ranvijay’s KV-28 Helix helicopter lands on the flight deck of the USS McCampbell .jpg
Kamov Ka-31 Helix Russia Russia AEW Ka-31 Helix-B 14[7] 14 esemplari consegnati in tre lotti ( 4 nel 1999, 5 nel 2001 e 5 nel 2009) recentemente sottoposti ad un programma di aggiornamento e revisione.[7]
IN585 Kamov KA.28 Indian Navy (8414601350).jpg
Hal Chetak Francia Francia elicottero utility SA-316 Chetak 40[8][9] 40 esemplari in servizio all'ottobre 2017.[8]
Indian HAL Chetak landing on USS John S. McCain (DDG-56) in July 2014.JPG
Hal Cheetah Francia Francia elicottero utility SA-315 15[9]

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b India military aviation OrBat, milaviapress.com/orbat. URL consultato il 15 maggio 2011.
  2. ^ a b c "PROBLEMI PER I MiG-29K DELLA MARINA INDIANA", su portaledifesa.it, 12 luglio 2016, URL consultato il 8 novembre 2016.
  3. ^ a b c "India. Altri P-8I" - Aeronautica & Difesa" - N.359 - 10/2016 pag. 74
  4. ^ "India. Quattro P-8I in opzione" - Aeronautica & Difesa" - N.359 - 09/2015 pag. 72
  5. ^ a b "RUSSIA COMPLETES MODERNIZATION OF INDIAN NAVY'S IL-38 FLEET", su sputniknews.com, 26 agosto 2015, URL consultato il 27 ottobre 2016.
  6. ^ a b NUOVO AGGIORNAMENTO PER GLI ELICOTTERI NAVALI KA-28 INDIANI", su analisidifesa.it, 11 maggio 2018, URL consultato il 11 maggio 2018.
  7. ^ a b "CONSEGNATI I PRIMI DUE KAMOV KA-31 AGGIORNATI ALL'INDIA", su analisidifesa.it, 12 giugno 2015, URL consultato il 22 ottobre 2016.
  8. ^ a b "La Marina indiana vuole 234 nuovi elicotteri" - Aeronautica & Difesa" N. 372 - 10/2017 pag. 77
  9. ^ a b "KA-226T ALL’INDIA: CONSEGNE SOLO DOPO IL PAGAMENTO", su analisidifesa.it, 14 ottobre 2017, URL consultato il 15 ottobre 2017.
  10. ^ "INDIAN NAVY RETIRES FLEET OF Tu-142M MARITIME PATROL AIRCRAFT" Archiviato il 2 aprile 2017 in Internet Archive., su janes.com, 30 marzo 2017, URL consultato il 8 aprile 2017.
  11. ^ "L’INDIA RADIA I PATTIGLIATORI NAVALI TUPOLEV TU-142ME", su analisidifesa.it, 29 aprile 2017, URL consultato il 30 aprile 2017.
  12. ^ "L'India dà l'addio al Sea Harrier" - Ravi Shah - Aeronautica & Difesa" N. 356 - 06/2016 pp. 40-41

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]