Il permesso - 48 ore fuori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il permesso - 48 ore fuori
Il permesso.jpeg
I protagonisti in varie scene del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2017
Durata91 min
Rapporto2,35:1
Generedrammatico, noir
RegiaClaudio Amendola
SoggettoGiancarlo De Cataldo
SceneggiaturaGiancarlo De Cataldo, Claudio Amendola, Roberto Jannone
ProduttoreClaudio Bonivento, Federico Carniel, Claudia Bonivento
Casa di produzioneCarnielBoniventoFilm, Rai Cinema
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaMaurizio Calvesi
MontaggioRoberto Siciliano
MusichePaolo Vivaldi
Interpreti e personaggi

Il permesso - 48 ore fuori è un film del 2017, scritto e diretto da Claudio Amendola e interpretato dallo stesso regista, con Luca Argentero, Giacomo Ferrara e Valentina Bellè.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Rossana, Angelo, Luigi e Donato sono detenuti nel medesimo carcere di Civitavecchia, ma non si sono mai conosciuti e incontrati prima d'ora. Rossana, ragazza di famiglia agiata, è dentro per aver tentato di trasportare 10 kg di droga dal Brasile quando vi era in vacanza. Angelo è carcerato per rapina a mano armata. Luigi è un criminale di lunga data, con alle spalle numerose estorsioni, rapine e omicidi. Donato è un ex pugile e coinvolto in incontri clandestini, cerca la moglie che è costretta a prostituirsi.

Tutti loro, lo stesso giorno, ricevono un permesso di uscita dalla galera di 48 ore, al termine del quale dovranno obbligatoriamente rientrare in prigione, altrimenti verranno considerati come evasi. All'uscita del carcere non c'è nessuno ad aspettarli, tranne nel caso di Rossana, che trova ad attenderla una grossa berlina nera con l'autista. Angelo, non trovando gli amici, chiede ed ottiene da Rossana un passaggio a casa sua, ereditata dalla nonna. Dopo essersi fatta lasciare a casa dall'autista ed avergli chiesto di accompagnare Angelo a destinazione, Rossana dapprima si rincresce di non trovare a casa la madre, impegnata in una riunione di lavoro, salvo poi litigarci quando a sera le due si rivedono, e la giovane manifesta l'intenzione di voler fuggire all'estero per non dover tornare in carcere. Angelo, invece, una volta giunto a casa della nonna trova i suoi amici ed ex complici ad aspettarlo lì, dove gli hanno preparato una sorta di festa a sorpresa e, a seguire, gli propongono un nuovo colpo in grado di sistemarli tutti per un pezzo, e dopo il quale Angelo dovrebbe darsi alla latitanza in un paese straniero.

Donato, una volta varcati i cancelli del carcere, prende l'autobus e si reca da Sasà, il protettore della moglie, per convincerlo a lasciarla libera. Sasà accetta, ma a condizione che l'ex pugile partecipi ad un incontro di lotta clandestina e lo vinca. Donato accetta e riesce a vincere l'incontro, ma nel momento in cui ricorda a Sasà di mantenere la propria parola quest'ultimo lo accoltella all'addome, rivelandogli che la moglie è morta tempo prima, incaricando poi due suoi uomini di portarlo in un luogo isolato e finirlo. Uno dei due si allontana di alcuni metri, mentre l'altro, Gaetano, mosso a pietà, si limita a spingere Donato giù in un fossato sparando in aria, e di fatto mette l'ex pugile in condizione di recuperare forze sufficienti a recarsi da Sasà ed ucciderlo con un piccone, prima di crollare a propria volta.

Luigi, invece, dopo essere tornato a casa in treno apprende che il figlio Michele, ansioso di ripercorrere le sue orme, ha iniziato a spacciare droga per conto proprio nella zona controllata dalla banda di Goran, suo vecchio complice. Dapprima Luigi riesce a convincere il figlio a non spacciare più, ed a seguire si reca da Goran per convincerlo a non attuare ritorsioni nei confronti del figlio e della moglie. Avendo compreso di non essere riuscito in tale intento, Luigi convince quindi Michele e la moglie Paola a lasciare la città per sempre, in attesa della resa dei conti con Goran, che va da lui e lo uccide a colpi di pistola.

Intanto Angelo, dopo aver dato il proprio assenso al colpo progettato dagli amici, decide di andare a rivedere Rossana. I due passano la notte a parlare ed Angelo propone alla ragazza di fuggire insieme, una volta effettuato il colpo. Rossana si dice d'accordo, ma nel frattempo entrambi iniziano a coltivare dubbi sulla loro intenzione di fuggire dall'Italia. Alla fine, infatti, Angelo e Rossana decidono di rinunciare ai rispettivi progetti e rientrano insieme in carcere, con la consapevolezza di voler scontare il resto della pena e poi provare a ricostruirsi una vita.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato parzialmente in Abruzzo, più precisamente nella città di Pescara[1] e nel Lazio, a Civitavecchia, a Roma e a Latina.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola viene distribuita nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 30 marzo 2017.[3]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il trailer del film viene diffuso su YouTube il 19 gennaio 2017.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema