Il grande botto (film 2000)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1944 con Stanlio & Ollio, vedi Il grande botto (film 1944).
Il grande botto
Il grande botto2.png
Una scena del film
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2000
Durata95 min
Generecommedia
RegiaLeone Pompucci
SoggettoPaolo Rossi, Leone Pompucci, Gennaro Nunziante
SceneggiaturaPaolo Rossi
ProduttoreFinmari
FotografiaMassimo Pau
Antonio Benetti
MontaggioMauro Bonanni
Giorgio Conti
Effetti specialiMaurizio Corridori
MusichePaolo Rossi
ScenografiaEnzo De Camillis
Maurizio Marchitelli
Cristiana Possenti
CostumiGianna Gissi
Simonetta Antonucci
Interpreti e personaggi

Il grande botto è un film commedia del 2000 diretto dal regista Leone Pompucci.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ostuni. Nel bar "Santos" un gruppo di amici si ritrova da tempo per giocare al SuperEnalotto: ci sono Michele, il proprietario del bar, Vito, Mario e Giuseppe. A questi va aggiunto Antonio, quella sera assente, che è stato calciatore professionista nell'Inter. Michele sta servendo alcuni clienti, quando la televisione annuncia i numeri estratti. Questa volta sono tutti esatti: e anche la vincita è di quelle forti, che cambiano la vita. I quattro sono euforici e cercano la schedina. Chi ce l'ha? Nessuno di loro. L'ha presa in consegna Antonio, che però è andato via ma nessuno sa dove. Tra rabbia e paura, gli amici decidono di andare a cercarlo. L'unica pista è fornita dall'album contenente ritagli sulle gesta sportive dell'ex campione. Con queste indicazioni, il gruppetto parte alla ricerca del fuggiasco, e con qualche segreto che poi viene a galla: Vito è l'amante di Teresa, la moglie di Michele. Andando da sud verso nord, i quattro arrivano prima a Venezia, poi a Milano, dove pare che Antonio sia andato per vedere il figlio. Lo rintracciano, lo assaltano, gli fanno tirare fuori il biglietto, ma lui non aveva avuto l'intenzione di scappare. Intanto, insieme ad Antonio, i quattro realizzano un primo sogno: entrare sul prato erboso di San Siro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La piazza ed il bar Santos presenti nella pellicola, sono in realtà a San Vito dei Normanni, comune poco distante da Ostuni, ma che non viene menzionato nella pellicola. Il dialetto parlato dai protagonisti poi non è quello ostunese, bensì quello barese e, nel caso del personaggio di Buccirosso, napoletano.[1]

Nel 2014, dopo ben 14 anni dalla sua uscita, il film è stato finalmente rimasterizzato in versione DVD.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema