Il bambino d'oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il bambino d'oro
Il bambino d'oro.jpg
Chandler Jarrell (Eddie Murphy) in una scena
Titolo originaleThe Golden Child
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneUSA
Anno1986
Durata94 min
Generecommedia, fantastico, avventura, azione
RegiaMichael Ritchie
SceneggiaturaDennis Feldman
ProduttoreCharles R. Meeker, Richard Tienken
Casa di produzioneParamount Pictures
FotografiaDonald E. Thorin
MontaggioRichard A. Harris
MusicheMichel Colombier
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il bambino d'oro (The Golden Child) è un film del 1986, diretto da Michael Ritchie e con protagonista Eddie Murphy.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Chandler Jarrell (Eddie Murphy) è un investigatore privato, specializzato nel recuperare bambini scomparsi. Collaborando con la polizia, Jarrell finisce su una scena del crimine, dove viene rinvenuto il corpo di una ragazza uccisa a seguito di un macabro rituale. Dopo aver presenziato in una trasmissione televisiva, Jarrell viene rintracciato da una ragazza orientale, Kee Nang, la quale gli comunica che lui è "il prescelto". Per tale motivo, Nang gli chiede di recarsi in Tibet per ritrovare il "Bambino d'oro", un giovane monaco buddista immortale dotato di straordinari poteri, rapito da un demone di nome Sardo Numspa. Nonostante i suoi dubbi e le sue perplessità iniziali, Jarrell si convincerà a partire, in parte per coraggio e curiosità, in parte per amore nei confronti della sua compagna d'avventura Nang. In Tibet, dopo esser stato raggirato da un abile venditore ambulante, viene scortato da Nang in un tempio buddista dove i due protagonisti richiedono di ottenere un pugnale sacro. Solo dopo il superamento da parte di Jarrell di una pericolosa prova i monaci del tempio consegneranno loro il pugnale. Sulle tracce di Sardo Numspa, Nang morirà colpita da una freccia, mentre Jarrell riuscirà a rintracciare il Bambino d'oro, uccidere il demone e far rivivere Kee Nang grazie al potere del Bambino d'oro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Dennis Feldman, un fotografo professionista, scrisse una sceneggiatura intitolata The Rose of Tibet, che secondo le sue intenzioni doveva essere "una storia alla Raymond Chandler con elementi soprannaturali".[1] Il copione attirò l'attenzione delle maggiori case cinematografiche di Hollywood e dopo una sofferta lotta, fu la Paramount Pictures ad assicurarsene i diritti per 300,000 dollari.[2]

Anche se il personaggio del bambino d'oro nel film è di sesso maschile, fu la piccola attrice Jasmine Reate (accreditata come "J.L. Reate") ad interpretare la parte sullo schermo.[3]

Originariamente avrebbe dovuto essere John Carpenter il regista del film, ma egli rinunciò per girare Grosso guaio a Chinatown.[3][4]

Mel Gibson avrebbe dovuto interpretare la parte di Chandler Jarrell; ma causa l'indisponibilità di Gibson, la produzione ripiegò su Murphy e trasformò il film in una commedia.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In the Blood, Starlog
  2. ^ Action-comedy Is Next For Murphy, Los Angeles Times
  3. ^ a b c IMDb, The Golden Child (1986) Did You Know?, su IMDb, IMDb.com, Inc., 1990–2012. URL consultato l'8 maggio 2012.
  4. ^ IMDb, Peter Kwong (I) Actor | Stunts, su IMDb, IMDb.com, Inc., 1990-2012. URL consultato l'8 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema