I Nomadi (album 1968)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Nomadi
Artista Nomadi
Tipo album Studio
Pubblicazione 1968
Durata 34:48
Dischi 1
Tracce 12
Genere Rock
Nomadi - cronologia
Album successivo
(1971)
Singoli
  1. Un figlio dei fiori non pensa al domani/Vola bambino
    Pubblicato: 1967
  2. Ho difeso il mio amore/Canzone per un'amica
    Pubblicato: 1968
  3. Il nome di lei/Per quanto è tardi
    Pubblicato: 1968

I Nomadi è il secondo album della band italiana i Nomadi del 1968.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver cercato a lungo invano un titolo adeguato per il loro nuovo album, i Nomadi decisero di chiamarlo con il proprio nome. Il disco, come il precedente, raccoglie pezzi già editi su 45 giri, cover, e brani inediti. Ancora una volta, buona parte dei pezzi porta la firma di Francesco Guccini. I brani tratti dai 45 giri, però, furono reincisi, mantenendo tuttavia gli stessi arrangiamenti, con solo poche differenze.

L'arrangiamento di Ho difeso il mio amore è di Maurizio Vandelli.

Con lo stesso nome sono state pubblicate successivamente due raccolte della EMI: I Nomadi del 1974 ed I Nomadi del 1980. È l'ultimo album con Gianni Coron al basso e Bila Copellini alla batteria.

Canzoni[modifica | modifica wikitesto]

  1. Ho difeso il mio amore   (4' 01") (Moody Blues)
  2. È giorno ancora   (1' 52") (Francesco Guccini)
  3. Insieme io e lei   (2' 36") (Kinks)
  4. Un figlio dei fiori non pensa al domani   (3' 03") (Francesco Guccini) (Kinks)
  5. Ophelia   (3' 14") (Francesco Guccini)
  6. Vola bambino   (2' 45") (Jeff Beck)
  7. Il nome di lei   (2' 44") (R. Dean Taylor)
  8. Giorno d'estate   (3' 21") (Francesco Guccini)
  9. Per quando è tardi   (2' 57") (Francesco Guccini)
  10. Monna Cristina   (2' 44") (Stormy Six)
  11. Canto d'amore   (2' 33")
  12. Canzone per un'amica   (2' 58") (Francesco Guccini)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock