Io vagabondo (che non sono altro)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Io vagabondo (che non sono altro)
ArtistaNomadi
Autore/iAlberto Salerno,
Damiano Dattoli
GenerePop rock
Pubblicazione originale
IncisioneIo vagabondo (che non sono altro) / Eterno
Data1972
EtichettaEMI Italiana
Durata3 min : 10 s
Certificazioni (digitale)
Dischi d'oroItalia Italia[1]
(vendite: 25 000+)

Io vagabondo (che non sono altro) è una canzone scritta da Alberto Salerno per il testo e dal bassista Damiano Dattoli per la musica, portata al successo dal gruppo musicale italiano dei Nomadi, che la presentarono a Un disco per l'estate del 1972, classificandosi al tredicesimo posto.

Il 45 giri vendette circa 1 000 000 di copie e, ancora oggi, è una delle canzoni più note dei Nomadi e viene sempre suonata dal gruppo durante i concerti.

Successivamente venne inserita nella cassetta Stereo 8 intitolata Io vagabondo.

La prima incisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1972 i Nomadi incisero il 45 giri il cui lato A conteneva il brano "Io vagabondo (che non sono altro)" della durata di 3 minuti e 10 secondi, mentre sul lato B incisero il brano "Eterno".

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Versione spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Esiste anche la versione spagnola del brano (1973) intitolata "Yo vagabundo", pubblicata su 45 giri nello stesso anno in Spagna, e per la prima volta in Italia su CD nell'album The platinum collection (2003).

Altre incisioni da parte dei Nomadi[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è stato inserito in quasi tutte le raccolte musicali che, negli anni, sono state editate dalla casa discografica EMI.

I Nomadi, la reincisero varie volte, sia dal vivo sia in studio, e infatti la canzone appare in tutti i seguenti album:

Inoltre, è reperibile in quasi tutta la videografia dei Nomadi e in parecchi bootleg.

Le cover[modifica | modifica wikitesto]

Gianna Nannini e Timoria[modifica | modifica wikitesto]

In ricordo di Augusto Daolio, voce dei Nomadi, nel 1995 è pubblicato l'album Tributo ad Augusto, raccolta di canzoni del gruppo, interpretate da altri artisti. In questa raccolta Gianna Nannini e Timoria interpretano "Io vagabondo". Tale versione ha il testo parzialmente modificato, in quanto le parole "Ma lassù mi è rimasto Dio" sono sostituite con "E nemmeno mi è rimasto Dio".

Fiorello[modifica | modifica wikitesto]

Sempre nel 1995 Fiorello sceglie di incidere il brano nell'album Finalmente tu. Il brano sarà inserito anche in altri successivi CD dell'artista.

Sempre Noi[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo composto da Paolo Lancellotti e Chris Dennis, ex componenti dei Nomadi, ha più volte riinciso il brano nei propri album, sia in studio sia live, tra il 1997 ed il 2006.

Ornella Vanoni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001, la cantante pubblica un album di cover, dal titolo Un panino una birra e poi..., dove interpreta, fra le altre, anche il famoso brano dei Nomadi.

Roberto Giordana[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 è stata commercializzata una versione dance del brano, remixata da Roberto Giordana.[2]

Matia Bazar[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 è la volta dei Matia Bazar che incidono la canzone nell'album One1 Two2 Three3 Four4 che contiene altre cover di successo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Io vagabondo (certificazione), su FIMI. URL consultato il 23 aprile 2019.
  2. ^ Sito Discogs, su discogs.com.
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica