Le strade, gli amici, il concerto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le strade, gli amici, il concerto
ArtistaNomadi
Tipo albumLive
Pubblicazione1997
Durata145:24
Dischi2
Tracce34
GenereFolk rock
EtichettaCGD East West
ProduttoreBeppe Carletti, Dodo Veroli
RegistrazioneTeatro Valli di Reggio Emilia, Auditorium di Trento, Palasport di Udine, Teatro Tenda di Montichiari
Nomadi - cronologia
Album precedente
(1997)

Le strade, gli amici, il concerto è il ventitreesimo album dei Nomadi, registrato live nei mesi di marzo/aprile/maggio 1997.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta dell'ultimo album registrato con la presenza della bassista Elisa Minari e del cantante Francesco Gualerzi: entrambi, infatti, lasceranno il gruppo a fine 1997.

Il disco contiene tre inediti: il set di tradizionali bretoni New Chappelle, The Panda e Shovel Tongue, Hasta Siempre Comandante, che i Nomadi hanno imparato e inserito nelle scalette dopo i loro viaggi a Cuba, e 20 de abril dei Celtas Cortos con i quali hanno suonato Le strade nel loro disco live Nos vamos en los bares. La partecipazione delle cornamuse dei Bagad Quimperle Bretagne, dei Celtas Cortos e del polistrumentista Andrea Pozzoli, che suonerà per tutto il tour successivo come turnista, danno al disco un sound decisamente più folk, rispetto al rock dei Nomadi.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD 1
  1. Un'altra città – 4:22 (testo: Antonio Salis – musica: Giuseppe Carletti, Odoardo Veroli e Antonio Salis)
  2. Né gioia né dolore – 4:28 (testo: Pietruccio Mancini – musica: Giuseppe Carletti, Odoardo Veroli e Pietruccio Mancini)
  3. Gli aironi neri – 4:49 (testo: Augusto Daolio – musica: Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  4. La settima onda – 4:31 (testo: Daniele Taurian – musica: Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  5. New Chappelle, The Panda, Shovel Tongue – 2:23
  6. Contro – 4:25 (Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  7. Salvador – 3:02 (Gisberto Cortesi)
  8. Vivo forte – 6:38 (testo: Daniele Taurian – musica: Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  9. Le strade – 5:33 (testo: Marco Petrucci – musica: Giuseppe Carletti, Odoardo Veroli e Marco Petrucci)
  10. Donna – 4:01 (testo: Edi Toffoli – musica: Giuseppe Carletti, Odoardo Veroli e Edi Toffoli)
  11. Quando ci sarai – 4:29 (testo: Moreno Dapit – musica: Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  12. Senza patria – 6:19 (testo: Augusto Daolio e Odoardo Veroli – musica: Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  13. Tutto a posto – 4:07 (testo: Alberto Salerno – musica: Bruno Tavernese)
  14. Il fiume – 4:16 (testo: Augusto Daolio e Odoardo Veroli – musica: Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  15. Gordon – 3:38 (testo: Romano Rossi – musica: Giuseppe Carletti)
  16. Bianchi e neri – 3:05 (Gisberto Cortesi)
  17. Noi non ci saremo – 3:26 (Francesco Guccini)
CD 2
  1. Ricordati di Chico – 4:56 (Gisberto Cortesi)
  2. Ophelia – 3:59 (Francesco Guccini)
  3. Hasta siempre comandante – 5:19 (Carlos Puebla)
  4. Uno come noi – 5:36 (Gisberto Cortesi)
  5. Riverisco – 3:05 (testo: Romano Rossi – musica: Giuseppe Carletti)
  6. Fiore nero – 2:48 (testo: Romano Rossi – musica: Giuseppe Carletti)
  7. Il vecchio e il bambino – 4:56 (Francesco Guccini)
  8. C'è un re – 3:02 (testo: Augusto Daolio – musica: Giuseppe Carletti e Odoardo Veroli)
  9. Il vento del nord – 4:48 (testo: Lorella Cerquetti – musica: Giuseppe Carletti, Odoardo Veroli e Calogero Falzone)
  10. Un pugno di sabbia – 4:13 (testo: Claudio Fontana – musica: Roberto Soffici)
  11. Ho difeso il mio amore (Nights in White Satin) – 4:23 (testo: Daniele Pace – musica: Justin Hayward)
  12. 20 de abril – 3:55 (Jesús Cifuentes e Nacho Martín)
  13. Come potete giudicar – 3:35 (testo: Tony Verona – musica: Sonny Bono)
  14. Canzone per un'amica – 5:10 (Francesco Guccini)
  15. Dio è morto – 2:41 (Francesco Guccini)
  16. Io vagabondo – 4:31 (testo: Alberto Salerno – musica: Damiano Nino Dattoli)
  17. Crescerai – 4:25 (testo: Carlo Alberto Contini – musica: Giuseppe Carletti)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]


  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock