Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Hiro H4H

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hiro H4H
Descrizione
Tipoidropattugliatore marittimo
CostruttoreGiappone Hiro Kaigun Kosho
Giappone Kawanishi
Data primo volo1931
Data entrata in servizio1933
Utilizzatore principaleGiappone Dai-Nippon Teikoku Kaigun Kōkū Hombu
Esemplari47
Dimensioni e pesi
Lunghezza16,57 m
Apertura alare23,46 m
Altezza6,22 m
Superficie alare82,70
Peso a vuoto4 663 kg
Peso carico7 500 kg
Propulsione
Motore2 radiali Myojo
Potenza800 hp (597 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max233 km/h (126 kt)
Autonomia1 260 km (680 nmi)
Tangenza3 620 m (11 880 ft)
Armamento
Mitragliatrici3 calibro 7,7 mm
Bombe2 da 250 kg
Notedati relativi alla versione H4H2

i dati sono estratti da The Illustrated Encyclopedia of Aircraft[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Hiro H4H, indicato anche come Idrovolante per la Marina Tipo 91 (九一式飛行艇?) in base alle convenzioni allora vigenti, fu un idrovolante a scafo centrale, bimotore monoplano ad ala alta, sviluppato in Giappone dall'ufficio tecnico dell'Undicesimo Arsenale Tecnico Aeronavale di Hiro nei primi anni trenta.

Introdotto nel 1933, venne impiegato nel ruolo di idropattugliatore marittimo dalla Dai-Nippon Teikoku Kaigun Kōkū Hombu, la componente aerea della Marina imperiale giapponese, nel periodo interbellico.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Orbis 1985, p. 2173.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing, 1985.
  • (EN) C.F. Andrews, E.B. Morgan, Supermarine Aircraft since 1914, London, Putnam, 1987, ISBN 0-85177-800-3.
  • (EN) Robert C. Mikesh, Shorzoe Abe, Japanese Aircraft 1910-1941, Annapolis, Naval Institute Press, 1990, ISBN 1-55750-563-2.
  • (EN) Michael John H. Taylor, Jane's encyclopedia of aviation, 2nd Edition, London, Studio Editions Ltd., 1989, ISBN 0-517-10316-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]