Gnosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gnosca
comune
Gnosca – Stemma
Gnosca – Veduta
Dati amministrativi
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Bellinzona
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 46°14′05″N 9°01′05″E / 46.234722°N 9.018056°E46.234722; 9.018056 (Gnosca)Coordinate: 46°14′05″N 9°01′05″E / 46.234722°N 9.018056°E46.234722; 9.018056 (Gnosca)
Altitudine 277 m s.l.m.
Superficie 7,5 km²
Abitanti 720[1] (31-12-2012)
Densità 96 ab./km²
Comuni confinanti Arbedo-Castione, Claro, Gorduno, Preonzo
Altre informazioni
Cod. postale 6525
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5006
Targa TI
Circolo Ticino
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Gnosca
Gnosca – Mappa

Gnosca è un comune svizzero del Canton Ticino situato nel distretto di Bellinzona.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Statistica Svizzera - STAT-TAB: Popolazione residente permanente e temporanea per regione, sesso, nazionalità ed età

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 115-116.
  • Virgilio Gilardoni, Inventario delle cose d'arte e di antichità, Edizioni dello Stato. Bellinzona 1955, 204-209.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 37, 301, 363-366, 423.
  • Agostino Robertini et alii, Gnosca, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1978, 129-140.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 45.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 69nota, 78, 90, 101, 406.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 55, 56, 57.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]