Giubiasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giubiasco
comune
Giubiasco – Stemma
Il centro di notte
Il centro di notte
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Ticino-coat of arms 3d.svg Canton Ticino
Distretto Stemma Bellinzona.svg Bellinzona
Amministrazione
Sindaco Andrea Bersani
Territorio
Coordinate 46°10′35″N 9°00′45″E / 46.176389°N 9.0125°E46.176389; 9.0125 (Giubiasco)Coordinate: 46°10′35″N 9°00′45″E / 46.176389°N 9.0125°E46.176389; 9.0125 (Giubiasco)
Altitudine 238 m s.l.m.
Superficie 6,23 km²
Abitanti 8 561[1] (31-12-2013)
Densità 1 374,16 ab./km²
Frazioni Lôro, Motti, Sasso Piatto, Palasio, Pedevilla
Comuni confinanti Bellinzona, Camorino, Gudo, Monte Carasso, Pianezzo, Sant'Antonino, Sementina
Altre informazioni
Lingue italiano, ticinese [2]
Cod. postale 6512
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5005
Targa TI
Nome abitanti giubiaschesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Giubiasco
Giubiasco
Giubiasco – Mappa
Sito istituzionale

Giubiasco (Giübiasch in dialetto ticinese, Siebenäsch in tedesco) è un comune svizzero del Canton Ticino, formatosi nel 1867 con l'unione dei due comuni di Valle Morobbia in Piano e Giubiasco.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Giubiasco[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

1850 - 1999[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

2000 - 2011[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistica Svizzera - STAT-TAB: Popolazione residente permanente e temporanea per regione, sesso, nazionalità ed età
  2. ^ Il dialetto ticinese della lingua lombarda, parlato nell'intero cantone non è riconosciuto ufficialmente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 113-115.
  • Virgilio Gilardoni, Inventario delle cose d'arte e di antichità, Edizioni dello Stato. Bellinzona 1955, 181-182.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 360244, 254, 360-362, 423.
  • Giuseppe Chiesi, Fernando Zappa, Terre della Carvina. Storia e tradizioni dell'Alto Vedeggio, Armando Dadò, Locarno 1991.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 22-24.
  • Emilio Motta, Effemeridi ticinesi, Edizioni Metà Luna, Giubiasco 1991.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 230, 335, 349, 438nota.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 44-47.
  • Luca Tori et alii, La Necropoli di Giubiasco (TI), volume III: le tombe dell'età del Bronzo, della prima metà del Ferro e del La Tène antico e medio: la sintesi, Chronos, Zurigo 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4366014-9
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino