Gli esclusi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di Tim LaHaye e Jerry B. Jenkins, vedi Gli esclusi (romanzo).
Gli esclusi
Gli esclusi.jpg
Judy Garland e Bruce Ritchey in una scena del film
Titolo originaleA Child Is Waiting
Paese di produzioneUSA
Anno1963
Durata102 minuti
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaJohn Cassavetes
SoggettoAbby Mann
SceneggiaturaAbby Mann
ProduttoreStanley Kramer
Casa di produzione(Larcas Productions) per United Artists
MusicheJames Speak
CostumiJoe King
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gli esclusi (A Child Is Waiting) è un film del 1963 diretto da John Cassavetes e interpretato da Burt Lancaster, Judy Garland e Gena Rowlands.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un istituto per la cura di minori mentalmente disabili il direttore, il prof.Clark, e l'insegnante di musica giunta da poco, Jean Hansen, hanno idee contrastanti: più severo lui, più comprensiva lei. Fin quasi da subito la donna si è particolarmente affezionata a un bimbo, Reuben Widdicombe. Alla fine Jean si vedrà però costretta ad accettare la visione del medico, in apparenza assai meno comprensibile.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è tratta da una pièce per la TV di Abby Mann. A causa di differenti punti di vista il montaggio fu terminato dal produttore Stanley Kramer esautorando il regista e modificandone inevitabilmente gli intenti; conseguentemente Cassavetes rifiutò di riconoscere l'opera come sua.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne girato interamente in un vero istituto, il Pacific State Hospital di Pomona (California).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La pellicola affronta un tema mai trattato prima nel cinema;
  • Escludendo Bruce Ritchey tutti gli altri erano veri pazienti dell'istituto;
  • L'attrice Gena Rowlands, moglie del regista, esordì in questo film;
  • Le riprese vennero purtroppo caratterizzate anche da rilevanti contrasti fra John Cassavetes e i due protagonisti.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Mereghetti (1993): ***

«al suo secondo film Cassavetes affronta un tema spinoso con un realismo inusitato per l'epoca e rivela già alcune costanti dei suoi film, come contenuto e come forma.»

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema