Una moglie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una moglie
Una mogliе.png
Una scena del film
Titolo originaleA Woman Under the Influence
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1974
Durata155 min
Generedrammatico
RegiaJohn Cassavetes
SoggettoJohn Cassavetes
SceneggiaturaJohn Cassavetes
ProduttoreSam Shaw
FotografiaMitch Breit, Al Ruban
MontaggioDavid Armstrong, Sheila Viseltear
MusicheBo Harwood
ScenografiaPhedon Papamichael, Kevin Joyce, Steve Hitter
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Una moglie (A Woman Under the Influence) è un film del 1974 diretto da John Cassavetes.

Il film fu candidato all'Oscar per la miglior regia e attrice protagonista (Gena Rowlands)

Nel 1990 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mabel è la moglie dell'operaio edile di origine italiana Nick Longhetti, ed è la madre di tre bambini. La coppia è legata da un sentimento di dolce affetto e complicità ma il marito, uomo che sa essere molto premuroso, è spesso preso dal troppo lavoro e torna a casa nervoso e intrattabile. Mabel è una donna emotivamente fragile che nasconde a fatica il suo alcolismo, che la porta a un carattere instabile, alla ricerca costante di affetto e attenzione da parte della famiglia, degli amici e degli estranei, fino a una serie di comportamenti, talvolta fastidiosi (come quando si dimostra assillante con i colleghi di Nick venuti a pranzo da loro), talvolta pericolosi per sé e per i suoi figli, che sottopone a giochi pericolosi insieme ad altri bambini a lei affidati. Quando la situazione diventa per lei insostenibile, ha un grave crollo psichico e Nick, assieme al dottore di famiglia, prende la decisione di farla ricoverare in un ospedale psichiatrico. Dopo alcuni mesi fa ritorno a casa: i parenti si aspettano di trovare una Mabel finalmente guarita. Nell'intento di apparire perfettamente ristabilita, non sa più come comportarsi e non riuscendo a sostenere la situazione, chiede di poter rimanere da sola. Nick alza la voce e la donna è in preda ad una nuova crisi. I parenti vengono fatti allontanare frettolosamente e Nick le tira uno schiaffo per cercare di farla ragionare. Ancora nel pieno della crisi, Mabel si chiude in bagno e cerca di ferirsi ai polsi con una lametta ma il marito riesce in tempo ad evitare il peggio. I bambini, che hanno assistito alla violenta scena, vedono la madre sanguinante e credono sia colpa del padre; nella casa regna il caos. Nel finale ritorna la tranquillità, Mabel riprende piena coscienza, mette amorevolmente a letto i figli e, grazie a quella reciproca complicità che li accomuna, si prepara per coricarsi a letto assieme a Nick.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il Mereghetti. Dizionario dei film (1993): ***

«... un realismo che non ha più nulla di naturalistico... l'emergere dei contrasti tra i sessi e le generazioni è filmato con una forza e una originalità d'approccio esemplare...»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Film Registry, National Film Preservation Board. URL consultato il 3 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN308790337 · GND (DE4643615-7 · BNF (FRcb16712948c (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema