Giusto Recanati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giusto Recanati, O.F.M. Cap.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato9 agosto 1789, Camerino
Ordinato presbitero22 febbraio 1812
Nominato vescovo3 luglio 1848 da papa Pio IX
Consacrato vescovo9 luglio 1848 dal cardinale Antonio Francesco Orioli, O.F.M. Conv.
Creato cardinale7 marzo 1853 da papa Pio IX
Deceduto17 novembre 1861, Roma
 

Vincenzo Benedetto Giuseppe Recanati, in religione Giusto da Camerino (Camerino, 9 agosto 1789Roma, 17 novembre 1861), è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò nel seminario di Camerino e l'8 dicembre 1803 abbracciò la vita religiosa tra i cappuccini nel convento di Cingoli assumendo il nome di fra' Giusto; fu ordinato prete il 22 febbraio 1812.

Fu membro della comunità conventuale di Fabriano, lettore di teologia e filosofia a Jesi e prefetto del collegio per le missioni cappuccine di San Fedele a Roma; nel 1844 fu eletto nel definitorio generale del suo ordine.

Fu consultore delle congregazioni dei vescovi e regolari, di propaganda fide e dell'inquisizione.

Eletto vescovo titolare di Tripoli il 3 luglio 1848, fu consacrato il 9 luglio successivo nella basilica dei Santi XII Apostoli in Roma dal cardinale Antonio Francesco Orioli assistito da Girolamo d'Andrea, arcivescovo titolare di Melitene, e da Domenico Lucciardi, arcivescovo titolare di Damasco.

Dal 22 agosto 1848 al 5 settembre 1851 fu amministratore apostolico di Senigallia e il 13 gennaio 1852 fu nominato assistente al Soglio Pontificio.

Fu creato cardinale prete da papa Pio IX nel concistoro del 7 marzo 1853 e gli fu assegnato il titolo dei Santi XII Apostoli.

Morì nel 1861 e fu sepolto nella chiesa di Santa Maria della Concezione dei Cappuccini a Roma.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89733114 · ISNI (EN0000 0000 6176 7177 · BAV ADV12030699 · WorldCat Identities (EN89733114