Giacinto Placido Zurla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giacinto Placido Zurla, O.S.B.Cam.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giacinto Placido Zurla.jpg
Ritratto del cardinale Zurla
Template-Cardinal.svg
Incarichi ricoperti
Nato 2 aprile 1769, Legnago
Ordinato presbitero in data sconosciuta
Nominato arcivescovo 13 gennaio 1824 da papa Leone XII
Consacrato arcivescovo 18 gennaio 1824 dal cardinale Giulio Maria della Somaglia
Creato cardinale 10 marzo 1823 da papa Pio VII, O.S.B.
Pubblicato cardinale 16 maggio 1823 da papa Pio VII, O.S.B.
Deceduto 29 ottobre 1834, Palermo

Giacinto Placido Zurla (Legnago, 2 aprile 1769Palermo, 29 ottobre 1834) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Legnago il 2 aprile 1769.

Papa Pio VII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 10 marzo 1823.

Dal 1824 fino alla morte fu cardinale vicario di Roma.

Morì il 29 ottobre 1834 all'età di 65 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme Successore CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Malvasia 17 novembre 1823 - 29 ottobre 1834 Alessandro Giustiniani
Predecessore Vicario generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma Successore Berretta cardinalizia.png
Giuseppe della Porta Rodiani
(pro-vicario generale)
7 gennaio 1824 - 29 ottobre 1834 Carlo Odescalchi, S.J.
Predecessore Arcivescovo titolare di Edessa di Osroene Successore Archbishop CoA PioM.svg
Francesco Bertazzoli 13 gennaio - 18 gennaio 1824 Ignazio Giovanni Cadolini
Predecessore Prefetto della Congregazione per la Residenza dei Vescovi Successore Emblem Holy See.svg
Giuseppe della Porta Rodiani
(pro-prefetto)
7 gennaio 1824 - 19 ottobre 1834 Carlo Odescalchi, S.J.
Predecessore Prefetto della Congregazione degli Studi Successore Emblem Holy See.svg
Francesco Bertazzoli 2 luglio 1830 - 19 ottobre 1834 Luigi Lambruschini, B.
Controllo di autorità VIAF: (EN17214311 · ISNI: (EN0000 0000 0475 9779 · GND: (DE117026875 · BNF: (FRcb107482011 (data)