Giuseppe Vaccaro (architetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Vaccaro (Bologna, 30 aprile 1896Roma, 11 settembre 1970) è stato un architetto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Francesco e Carolina Puppini, terminati gli studi classici, nel 1916 Vaccaro si diploma con il massimo dei voti come professore di disegno architettonico presso il Regio Istituto delle Belle Arti di Bologna.

Integra gli studi presso la Regia Scuola d'applicazione per Ingegneri laureandosi all'età di 24 anni in architettura con il massimo dei voti (100/100).

Prima assistente (1920/21) di Attilio Muggia, titolare della cattedra di Architettura Tecnica e successivamente titolare della cattedra nella stessa materia (1934) presso la Regia Università di Roma.

Tra il 1940 e il 1942 partecipa, assieme a Gino Franzi, al concorso internazionale per l'Anıtkabir, il mausoleo di Mustafa Kemal Atatürk. Il loro progetto[1], si classifica terzo nel secondo gruppo[2] dei 5 progetti meritevoli di menzione [3].

La sua carriera professionale si svolge sostanzialmente fuori dalle aule universitarie ed è fortemente caratterizzata da una precoce notorietà.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Schemi distributivi di architettura. Bologna 1933.
  • Concorsi e costruzioni pubbliche. Roma 1935.
  • La casa a collina, in Domus, maggio 1937.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anıtkabir - c. Project Number 45: Giuseppe Vaccaro-Gino Franzi, tsk.tr. URL consultato il 01/07/2011.
  2. ^ Il concorso per l'Anıtkabir, con 49 partecipanti, si concluse con un primo gruppo di 3 progetti vincitori e un secondo di 5 progetti meritevoli di menzione cfr. Anıtkabir -3. The Conclusion of the Anıtkabir Project Competition, tsk.tr. URL consultato il 01/07/2011.
  3. ^ Anıtkabir -3. The Conclusion of the Anıtkabir Project Competition, tsk.tr. URL consultato il 01/07/2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Moschini (a cura di), Giuseppe Vaccaro, La casa di serie. Appunti sull'abitazione 1940/1942, catalogo della mostra tenutasi nel giugno 1982 presso la galleria A.A.M. Architettura Arte Moderna di Roma, Edizioni A.A.M. Architettura Arte Moderna, Roma, 1982.
  • Umberto Cao (a cura di), Giuseppe Vaccaro. Colonia marina a Cesenatico (1936-1938), CLEAR, Roma 1994
  • G. Riguzzi, Giuseppe Vaccaro e la Colonia AGIP di Cesenatico, in "ROTARY INTERNATIONAL CERVIA – CESENATICO" n. Estratto da n. 322 – BOLLETTINO MENSILE, Aprile 2000
  • Davide Mazzotti, Giuseppe Vaccaro architetto, Il Ponte Vecchio, 2000
  • AA. VV., Giuseppe Vaccaro, Electa, 2002
  • Maristella Casciato e Giuliano Gresleri (a cura di), Giuseppe Vaccaro. Architetture per Bologna, Editrice Compositori, Bologna 2006
  • Luca Marzi, Giuseppe Vaccaro. Facoltà di Ingegneria, Bologna, 1933-35, in "Costruire in laterizio", n. 131 settembre/ottobre 2009 [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN42734518 · LCCN: (ENn83141014 · SBN: IT\ICCU\PALV\049611 · ISNI: (EN0000 0001 2130 0764 · GND: (DE122993748 · BNF: (FRcb145798592 (data) · ULAN: (EN500108893
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie